• it
Papa Francesco aprirà gli Stati Generali della Natalità

Papa Francesco aprirà gli Stati Generali della Natalità

186 views
Condividi

Il 14 maggio all’Auditorium della Conciliazione di Roma, sarà Papa Francesco ad aprire un incontro dedicato alla crisi demografica in Italia e nel mondo, convocato dal Forum delle associazioni familiari.
In Italia da decenni si fanno sempre meno figli, il Paese invecchia e le politiche di sostegno, quasi assenti, incidono poco per riuscire ad invertire questa tendenza.
La denatalità, inverno demografico, è un tema scottante che la nostra associazione segnala da molti anni, problema che non coinvolge solo l’Italia, ma molti altri paesi europei e non solo.
Il 14 maggio a Roma, gli Stati Generali della Natalità, lavoreranno sul tema che diventerà oggetto di analisi e confronto ad alto livello istituzionale.
Come riferito dal direttore della Sala Stampa Vaticana Matteo Bruni, sarà Papa Francesco in Auditorium alle ore 9.30 ad aprire, con il suo intervento, i lavori che si svolgeranno online.
Lo scopo centrale dell’incontro è quello di “lanciare un appello alla corresponsabilità per far ripartire il Paese a partire da nuove nascite”.
Parteciperanno la ministra per la Famiglia, Elena Bonetti, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.
Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat presenterà dati inediti e proiezioni sulla natalità in Italia nei prossimi decenni.
I lavori proseguiranno anche con tre tavoli tematici: uno dedicato al mondo delle imprese, uno al mondo delle banche e delle assicurazioni, uno al mondo dei media, sport e spettacolo.
Per invertire questo scenario si fa leva sopratutto sull’imperdibile opportunità del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), consegnato dal governo italiano all’Unione Europea, sicuramente gli aspetti fiscali ed economici sono importanti, ma gli aspetti culturali e valoriali lo sono ancora di più.
E’ soprattutto sugli aspetti culturali e valoriali infatti, che bisogna intervenire, affinché si realizzi il cambiamento demografico auspicato.

di Alfio Spitaleri