• it
Aspetta il terzo figlio. L’azienda le “regala” il contratto di lavoro fisso

Aspetta il terzo figlio. L’azienda le “regala” il contratto di lavoro fisso

210 views
Condividi

L’esempio positivo di una piccola azienda in Sardegna per cui la maternità non è da considerare un fattore negativo sul lavoro. Ma in troppi ancora non lo capiscono

La prossima settimana partorirà il suo primo maschietto che arriva dopo due bambine, di 11 e 7 anni e Lorena Piras, 31enne di Macomer esplode di gioia. Specie dopo che alla lieta notizia, se ne è aggiunta un’altra sul fronte del lavoro che ha temuto di perdere: il 22 dicembre quando era andata da poco in maternità, la Sardafuoco la piccola impresa di manutenzione e vendita di impianti a legna e pellet dove lavora come segretaria, le ha recapitato a casa un contratto a tempo indeterminato .

“È stato un bel regalo in vista del Natale e dell’anno nuovo che stava arrivando – spiega Lorena -: quasi non potevo crederci essendomi fatta mille problemi per annunciare la mia gravidanza al titolare dell’azienda (Mirko Manca di 33 anni, ndr), anche se ho capito subito che non mi avrebbe ostacolata: quando gli ho parlato della mia gravidanza ha avuto una reazione di gioia e ho capito che il timore che avevo era solo un film che mi ero fatta io”.

Continua leggere l’articolo completo su avvenire.it