• it
Ecco com’è nato il network dei comuni amici della famiglia

Ecco com’è nato il network dei comuni amici della famiglia

4
Condividi

Galeotto fu l’incontro delle famiglie numerose a Pinzolo, nel 2010. Qui Mauro e Filomena Ledda  conobbero, per la prima volta, le mille buone pratiche in tema di politiche familiari portate avanti dalla provincia autonoma di Trento prima ancora della legge sul benessere familiare. Come folgorati dalla testimonianza del dirigente Luciano Malfer, chiesero ed ottennero di poter approfondire e – aggiungiamo noi – di toccare con mano ciò che avevano da poco ascoltato: “A Trento ricevemmo un’accoglienza straordinaria. Le nostre guide ci fecero entrare in un mondo che non pensavamo potesse esistere. Allora avevamo quattro figli piuttosto piccoli e non nascondo – racconta con un filo di commozione Filomena – che, quando tornammo ad Alghero, nella nostra casa, fummo molto tentati di non disfare le valigie e al contrario prendere il primo volo utile per trasferirci definitivamente qui. Non lo facemmo perché trovammo l’unica alternativa possibile: ricostruire quel modello anche nella nostra città”.
Un sogno che a poco a poco si è concretizzato. Mauro e Filomena convinsero il loro primo cittadino a tornare con loro a Trento. Tornarono folgorati in tre. Alla coppia algherese il sindaco Mario Bruno ha affidato la gestione dell’ufficio per le politiche familiari. Lasciando loro il suo ufficio, centrale rispetto agli uffici degli altri amministratori: perché l’attenzione alla famiglia – commenta il sindaco di Alghero – è un tema che deve stare a cuore a tutti gli assessorati e a tutti gli uffici tecnici.
Un anno fa, in occasione dell’assemblea nazionale Anfn celebrata proprio a Trento, Mauro e Filomena Ledda raccontarono la loro esperienza. Da allora sono stati chiamati a portare la loro testimonianza in giro per l’Italia. E spesso il primo cittadino di Alghero è andato con loro.
Ora i tempi sono maturi per il network dei comuni amici della famiglia. Istituito lo scorso 6 ottobre ad Alghero. Promotori dell’iniziativa: la provincia autonoma di Trento, il comune di Alghero e l’Associazione nazionale famiglie numerose.
All’esperienza del network guarda con interesse anche il Dipartimento per le politiche per la famiglia – che fa riferimento alla presidenza del consiglio dei ministri – e che ha inviato a Trento Alfredo Ferrante.

Andrea Bernardini