• it
Sintesi dei lavori del Consiglio Nazionale del 20 maggio 2019

Sintesi dei lavori del Consiglio Nazionale del 20 maggio 2019

247 views
Condividi

Carissime famiglie associate, il nuovo consiglio nazionale nel corso della sua prima seduta ha deliberato che venga pubblicata una sintesi di quanto discusso e deciso nel corso dei consigli, per cui da ora in avanti potrete seguire i lavori del Consiglio Nazionale con maggiore regolarità, venendo aggiornati in maniera più chiara ed in tempi più brevi.

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

Il 20 maggio 2019 si è riunito in videoconferenza il Consiglio nazionale.
Alla riunione hanno partecipato Regina Florio e Fabrizio Maroncelli, per relazionare sul lavoro dell’Unità Rapporti con ELFAC.

Incontro Unita Rapporti con ELFAC

Regina Florio e Fabrizio Maroncelli hanno relazionato sul lavoro dell’Unità Rapporti con ELFAC. Regina ha comunicato che è stato creato un gruppo di lavoro sulle convenzioni che, in sinergia con il Responsabile dell’Unità Convenzioni, sta contattando le aziende già convenzionate con Anfn per proporre loro di ampliare la collaborazione a livello europeo, tramite ELFAC. 

ELFAC vorrebbe anche potenziare la propria comunicazione, agendo attraverso un servizio di newsletter.

Per rendere più efficace il lavoro sono stati attivati dei tirocini con studenti universitari, fra i quali c’è anche una studentessa italiana, che si svolgono presso la sede ELFAC spagnola. La tirocinante inizierà il suo lavoro con la raccolta del materiale prodotto a livello europeo sulle famiglie numerose, per poi elaborarlo e renderlo disponibile a tutti sul sito dell’ELFAC.
Regina ha suggerito al CN di considerare l’utilizzo di tirocini per rilanciare i progetti in corso.

Il Progetto della Family Card Europea procede faticosamente; è stata avviata una campagna pubblicitaria sul sito ELFAC ed è stato chiesto alle Associazioni aderenti di rilanciare la pubblicazione sui loro siti. Purtroppo la campagna non sta avendo l’efficacia sperata anche a causa dei pochi fondi disponibili.

Regina ha quindi informato il Consiglio sui suoi ultimi viaggi, durante i quali si sono creati interessanti contatti, in particolare riguardo al progetto “Network europeo dei Comuni amici della famiglia”.
Al progetto hanno già aderito i comuni di Trento, Szescin, Zagabria, il XVIII municipio di Budapest ed altri ancora mentre sono in fase istruttoria i comuni di Alghero e Grass in Austria.
ELFAC sta elaborando i criteri di adesione col Dr. Malfer, Dirigente dell’Agenzia per la famiglia della Provincia di Trento e con la Rappresentante ungherese dell’Associazione Famiglie Numerose. Si sta cercando inoltre di chiudere un accordo con l’UNICEF per trovare una convergenza tra le città “children”e “family friendly”.

ELFAC sta anche chiedendo l’accreditamento all’ONU e sta cercando di collegarsi con l’Erasmus per far fare a giovani universitari l’anno Erasmus nell’ELFAC.

Poiché a settembre si farà un evento per giovani a Budapest, Regina ha suggerito di poter mandare un nostro giovane tra i 20 ed i 30 anni per un corso di formazione dell’ONU sulle politiche familiari mondiali.

Regina ha informato ancora il CN di essere stata all’Osservatorio internazionale sulla famiglia, dal quale sono venute fuori proposte interessanti. L’Osservatorio vuole diventare un punto di riferimento per la raccolta dei dati statistici sulla famiglia.

Regina ha informato infine il CN che il 14 maggio a Bruxelles c’è stato un incontro su cosa possono fare le mamme per la sostenibilità ambientale; ELFAC ritiene che questo sia un ulteriore fronte da portare avanti.

Il CN, relativamente al corso di formazione dell’ONU, suggerisce di proporre un bando attraverso il quale selezionare per la formazione uno dei nostri giovani. L’Associazione si farebbe carico delle spese di viaggio.

Nomina Data Protection Officer (DPO) per adeguamento al Regolamento Europeo GDPR

Facendo seguito a quanto deliberato nel precedente Consiglio, Paolo Puglisi ha riferito di aver avuto un lungo colloquio con Davide Candia, nostro associato siciliano, esperto di Privacy e già DPO di varie Associazioni.
Nel colloquio è stato valutato a grandi linee il percorso da svolgere e gli obblighi ai quali ottemperare per l’adeguamento al nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR). Puglisi ha così proposto di affidare l’incarico di DPO (figura obbligatoria) a Davide Candia.

Puglisi ha altresì informato della necessità di rivedere Isacco, il nostro sistema gestionale degli associati, oramai obsoleto.

Si è quindi discusso del progetto di realizzare un’applicazione (APP) per smartphone. In proposito, anche con la partecipazione dell’Unità Convenzioni, si è attivata una collaborazione con lo sviluppatore spagnolo dell’APP in uso all’associazione spagnola delle famiglie numerose e si è deciso che verrà messa a disposizione di Anfn una installazione di test per verificare quanto essa possa soddisfare anche le esigenze della nostra associazione.

Puglisi ha infine informato il CN sullo stato dei lavori della nuova piattaforma del software gestionale (denominata Abramo) in fase di preparazione e del budget necessario per realizzarla.
Si partirà con un primo modulo per la gestione dei rimborsi spese.

Al termine della relazione il CN, ringraziando Puglisi per il lavoro svolto, ha deliberato di nominare Davide Candia come nuovo DPO di Anfn.

Assicurazione

Il Consigliere Galiè ha aggiornato il CN sulla situazione dell’obbligo assicurativo imposto dalla nuova legge sul terzo settore. Il Consiglio ha ringraziato Marco per il lavoro fin qui svolto e rimane in attesa delle proposte di assicurazione. 

In chiusura di seduta, fra le varie ed eventuali, il Tesoriere Puglisi ha relazionato sul piano dei conti e sulla attuale consistenza di cassa dei vari conti correnti. Lo stesso Puglisi ha comunicato che sono state inviate circa 1500 mail per sollecitare il versamento delle quote annuali. Le quote continuano ad entrare, seppure più lentamente di quanto preventivato. 

Il CN ha infine approvato l’acquisto di 3000 vetrofanie da donare ai soci e ringraziato Paolo Puglisi e i suoi familiari per l’intervista rilasciata a Famiglia Cristiana.