• it
La pace per essere tale, dev’essere totale

La pace per essere tale, dev’essere totale

44 views
Condividi

Svolgimento: In tanti dissertano di politica, economica, Covid, scuola. Io, quasi sempre, parto, invece, dai figli per portare alla ribalta temi sempre attuali, perché nel cuore di ognuno, ma non sempre applicati. Non basta, infatti, avere i “temini pronti”, occorre saperli leggere, applicare alle situazioni.
L’antefatto: quest’oggi il piccolo di casa ha ripetuto un’azione che per i suoi quasi 7 anni non va più bene. E, come sempre, quando glielo faccio notare, si sente smarrito, irrequieto, si chiude in camera e mi dice: “Lasciami solo”. Ha a che fare con la sua mamma, con le attenzioni che le riserva… Nessun bimbo vorrebbe sentirsi mortificare nel proprio bisogno di tenerezza, cosicché Gabriele volta per volta fa il toro seduto.
Finché gli vado vicino, gli chiedo come sta, se qualcosa lo rende triste e gli chiedo di far pace. “Non pace totale” però dico scherzando “solo un po’ di pace. Mi dai magari solo il mignolino?”. Lui ride sotto il broncio, e accetta. Stringiamo il mio e il suo dito e preciso: “E’ solo metà pace. Ma è una pace che durerà per tutttttaaaaa la vita. Eterna”.
“E l’altra metà di pace? Che facciamo?” mi chiede.
Lo guardo e attendo.
Lui avanza, allora, l’altro mignolino: “Mamma, la pace dev’essere totale. Sorridi ora, ok? Qualsiasi cosa tu mi debba dire, sorridi”.

di Patrizia Carollo