• it
La famiglia Civettini si racconta

La famiglia Civettini si racconta

377 views
Condividi

Oggi abbiamo con noi Alice e Filippo, abitano a Riva del Garda in Trentino Alto Adige.

Tesserati dal 2015 anche se già nel 2010 hanno iniziato a curiosare sul sito per informarsi un po’.  Contano la bellezza di 9 figli. E sono famiglia delegata per la zona dell’Alto Garda e Ledro per cui collaborano attivamente in associazione dando il loro contributo in tempo, energia e disponibilità per il bene delle altre famiglie.

Da quanto tempo siete insieme?

Stiamo insieme da ottobre 2001 e sposati dal 2003.

Come siete diventati famiglia numerosa?

Un po’ alla volta, figlio dopo figlio. Ogni volta ci si accorgeva che “mancava qualcuno” che “c’era posto ancora per qualcuno”. Non è una gara e come diciamo sempre ” non li collezioniamo”, i primi due erano un maschio ed una femmina per cui potevamo essere la famiglia “standard perfetta” ma sentivamo che quel tipo di famiglia non era adatta a noi.

Come e quando avete conosciuto Anfn?

Abbiamo conosciuto Anfn quando avevamo 4 figli, tramite una famiglia delegata delle Marche, per mezzo di un gruppo Facebook dedicato alle famiglie

Cosa pensate di questa associazione?

Chiamarla associazione è riduttivo, a noi piace pensarla ad una “famiglia di famiglie”.

Cosa ha rappresentato per voi?

Ha rappresentato un luogo di normalità, dove trovare ed incontrare persone con le stesse esigenze, difficoltà, abitudini, ma anche un luogo di confronto e dove trovare soluzioni condivise. Abbiamo sempre trovato molta disponibilità ed accoglienza.

Come eravate allora, e come siete adesso?

All’inizio abbiamo aderito con l’idea di essere dei tesserati ad un’ associazione ben strutturata che poteva portare avanti i nostri stessi obiettivi ma la realtà è stata subito un’altra. ANFN non è la semplice associazione che ci si può aspettare, è a tutti gli effetti  una famiglia! E’ viva ed è impossibile farne parte senza essere coinvolti dall’entusiasmo, dalle iniziative, dalle emozioni che vengono condivise. Sicuramente abitiamo tutti distanti ma non si può descrivere la bellezza di vedersi anche semplicemente in un Meet e sentirsi amici da sempre, collaborare per iniziative comuni, condividere idee , progetti e feste. Sicuramente oggi siamo più completi di allora, perché ogni famiglia ci ha portato e tutt’oggi ci porta, una parola gentile, un pensiero, una preghiera e questo è un qualcosa che con l’atto di tesseramento non puoi immaginare.

Cosa si può fare, secondo voi, per aiutare le nuove generazioni a scegliere la vita?

Servono politiche adeguate, inutile negarlo, la sicurezza e la stabilità economica sono un fattore importante così come avere permessi lavorativi, orari e tutto quello che può servire per  conciliare lavoro e famiglia. Come secondo punto servono l’esempio e la testimonianza di adulti che sanno accogliere la vita, per cui non solo parole ma fatti concreti.

Grazie Alice e Filippo per la vostra testimonianza, che ci permette di mettere un altro tassello in questo enorme puzzle di famiglie che è la nostra associazione, dopo quasi 20 anni di vita. Grazie per la sincerità e la semplicità con la quale avete risposto alle nostre domande e auguri alla vostra bella e numerosa famiglia.

 

Alfio Spitaleri