• it
Sintesi dei lavori del Consiglio Nazionale del 12 – 13 gennaio 2019

Sintesi dei lavori del Consiglio Nazionale del 12 – 13 gennaio 2019

51
Condividi

Carissime famiglie associate, il nuovo consiglio nazionale nel corso della sua prima seduta ha deliberato che venga pubblicata una sintesi di quanto discusso e deciso nel corso dei consigli, per cui da ora in avanti potrete seguire i lavori del Consiglio Nazionale con maggiore regolarità, venendo aggiornati in maniera più chiara ed in tempi più brevi.

 

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

 

Lo scorso week-end del 12 e 13 gennaio si è riunito a Bologna il Consiglio Nazionale.

In un clima di grande familiarità e amicizia, come è nello stile dell’Associazione, è stato discusso e portato a termine un lungo e complesso ordine del giorno.

La discussione è stata accompagnata dal “lavoro manuale” dei Consiglieri che, considerata la necessità di spedire per tempo ai soci le tessere per l’anno 2019 e il fatto che la Segretaria Alessandra – peraltro “reduce” dalla maternità – non avrebbe potuto farvi fronte da sola, hanno provveduto a imbustare e predisporre per la spedizione un migliaio di lettere contenenti la nuova tessera destinata a quanti hanno rinnovato l’iscrizione.

 

APP ANFN

Il Consiglio si è ripromesso di studiare modalità di invio di comunicazioni, come quelle contenenti le tessere annuali, che non intralcino il lavoro della Segreteria. E’ stata perciò approvata una delibera che incarica l’Unità Informatica di studiare la fattibilità tecnica ed economica di un’applicazione per dispositivi mobili (APP) che possa sostituire la tessera cartacea e fornire servizi aggiuntivi per i soci.

 

SITUAZIONE POLITICA

Sul fronte della politica – ribadita la necessità che l’Associazione sia presente con tempestività nel dibattito pubblico, sia attraverso i media tradizionali che sui social-network – il CN ha discusso della legge di bilancio, che per il 2019 si dimostra assai povera per le famiglie numerose; del Decreto Legge che introduce il “Reddito di Cittadinanza”e l’agevolazione pensionistica nota come “Quota 100”; della proposta di Legge Costituzionale attualmente in discussione in Parlamento per l’introduzione del referendum propositivo.

Riguardo al decreto legge il CN ha deliberato di incaricare l’Unità politica e quella per i rapporti col Forum di intervenire, in sede di conversione in legge del provvedimento, per proporre modifiche che, operando in particolare sulla scala di equivalenza, facciano sì che la misura non sia, come spesso accade, penalizzante nei confronti delle famiglie con figli.

Riguardo al dibattito parlamentare sul Referendum propositivo, il Consigliere Bianchini ha proposto di cogliere l’occasione per rilanciare uno dei cavalli di battaglia Anfn: “Un figlio un voto”. Si tratterebbe di proporre che, perlomeno nelle consultazioni referendarie e nell’iter delle proposte di legge di iniziativa popolare, il voto venga pesato in ragione del numero di componenti del nucleo familiare così da stimolare politiche in favore dell’infanzia e dei giovani.

 

SOGLIA ISEE PER BANCO ALIMENTARE

E’ intervenuto in web-conference il Responsabile dell’Unità Solidarietà, Angelo Castellani, che ha segnalato l’urgenza di fare pressioni sulle istituzioni interessate perché dal prossimo mese di febbraio scadrà il periodo transitorio che consentiva di derogare al limite ISEE di 3.000 euro per accedere agli aiuti alimentari di provenienza comunitaria.
Si tratta chiaramente di un limite troppo basso per le famiglie numerose che, di fatto, ne escluderebbe la gran parte dal beneficio. Il Consiglio ha quindi deliberato di incaricare lo stesso Castellani, interfacciandosi con le altre unità competenti, di promuovere un’iniziativa comune con il Banco Alimentare per porre rimedio a tale iniquità.
Ha inoltre incaricato l’Unità Politica, di concerto con quella per i Rapporti col Forum, col coordinamento del Consigliere Bianchini, di promuovere un’iniziativa congiunta col Forum.

 

ANFN E CONTRATTO DI GOVERNO

A margine dei lavori il Consigliere Bianchini ha proposto di preparare un documento che, sulla falsariga del “Contratto per il governo del cambiamento” stipulato dalle forze politiche di maggioranza, contenga le richieste di Anfn sui singoli punti del programma di governo. Il Presidente e l’intero CN hanno aderito con entusiasmo alla proposta invitando Bianchini ad andare avanti col lavoro già fatto e a coinvolgere le diverse unità operative interessate. L’obiettivo è quello di costruire un documento di rivendicazioni sul quale costruire una mobilitazione di tutta l’Associazione.

 

ASSOCIAZIONI GAF

Il CN, su proposta del Presidente, ha approvato la bozza dell’Atto Costitutivo, dello Statuto e del Regolamento delle costituende associazioni regionali alle quali faranno capo le attività dei GAF.

 

UNITA’ ANIMAZIONE

Il Consiglio ha approvato il progetto proposto dall’Unità Animazione per la realizzazione di un campo estivo di formazione per i ragazzi e le famiglie tutor.
Il Consiglio ha particolarmente apprezzato il progetto per gli alti valori sociali e di estrema attualità che vi sono implicati (politiche giovanili, formazione continua, tematiche ambientali e di economia circolare); ha perciò incaricato l’Unità proponente di verificare la possibilità di ottenere finanziamenti per questo e per futuri progetti, partecipando a bandi europei, nazionali e locali e anche di fondazioni o istituzioni private.

 

BUDGET UNITA’ COMUNICAZIONE E FORMAZIONE

Il CN ha approvato i budget annuali 2019 per le Unità Comunicazione e Formazione, quest’ultima per il corso di consulenza familiare di Piacenza programmato per il triennio 2019/2021.

 

INCONTRO ANNUALE COORDINATORI

Sono state fissate le date dell’1, 2 e 3 novembre per l’incontro annuale dei coordinatori, che quest’anno riguarderà le Regioni del Sud Italia e ha dato mandato ai consiglieri Rita e Michele Resta di riferire sui preventivi di spesa per l’individuazione della struttura che accoglierà l’evento.

 

PROSSIMI CONSIGLI NAZIONALI

Sono state infine stabilite le date del prossimo 28 gennaio per un CN in web conference e del 30/31 marzo, sempre a Bologna, per il prossimo Consiglio nazionale.