• it
Seconda convention Comuni Family in Italia: il network cresce

Seconda convention Comuni Family in Italia: il network cresce

140 views
Condividi

Fresca di certificazione “Family in Italia”, Perugia, ha ospitato la seconda convention del network italiano dei comuni amici della famiglia intitolata “Le politiche familiari: risorsa dello sviluppo locale”.
Negli spazi del Complesso Monumentale San Pietro, il capoluogo umbro ha così celebrato il suo impegno per la famiglia, iniziato nel 2018 con l’adesione al Network, all’interno della ”Settimana della famiglia” che terminerà nel week end con l’appuntamento di Professione Mamma. 
Con 18 nuove adesioni e quattro certificazioni – Padova, Romana (SS), Todi (PG), San Gregorio di Catania (CT), Regalbuto (EN) – la Convention perugina ha visto una folta partecipazione di comuni umbri ma non solo.
Tra i convenuti, l’assessore Maria Grazia Salaris per il comune di Alghero, prima città certificata fuori dal territorio trentino, una rappresentanza della Regione Sicilia, con il comune di San Gregorio di Catania (CT) che ha ottenuto la certificazione, una delegazione dalla città di Siena, la sindaca del comune di Cerete e presidente dell’unione dei comuni della Presolana (BG), Cinzia Locatelli, seconda realtà italiana ad ottenere il marchio, e il comune di Bergamo, rapresentato dall’assessore alle politiche giovanili e allo sport, Loredana Poli. 
Numerosi i rappresentanti dell’associazione nazionale famiglie numerose, tra cui Regina Maroncelli, presidente Elfac, che ha parlato del ruolo delle famiglie numerose nel panorama demografico europeo. 
L’evento è stato aperto dal saluto dell’assesore Edi Cicchi, convinta fautrice dell’adesione al Network, che ha rivolto un particolare ringraziamento ad Anfn riconoscendone il ruolo di partner e la disponibilità a lavorare “per il bene di tuttti”.
“Un grazie particolare a Mario Sberna, che ha messo le basi alla possibilità stessa che oggi noi si sia qui a parlare di famiglia, a Mauro e Filomena Ledda, i coordinatori del Network, e a Vincenzo Aquino, che ci sono stati di ispirazione e di pungolo”.
Mario Sberna, rispondeno ai saluti dell’assessore, ha voluto sottolineare il ruolo dellìassociazione come bacino di competenze, di idee e di realtà: “Noi siamo quelli che “sanno come si fa”, perchè lo fanno tutti i giorni. Non è un caso che guardandoci intorno, molti dei partecipanti qui oggi appartengano proprio a famiglie numerose. Noi siamo la voce della realtà.” 
Mauro e Filomena Ledda hanno ripercorso la storia del network, “Una storia fatta di incontri e di doni”, segnata dal dialogo con la realtà trentina e con le persone che hanno saputo realizzare nella provincia un laboratorio di politiche per la famiglia semplici ed efficaci. Ad alghero, hanno ricordato i coniugi Ledda raccontando la nascita della rete, è iniziata la rivoluzione della famiglia, che da Trento si va diffondendo in Italia e dall’Italia in tutta Europa, con la creeazione del Network europeo dei comuni family friendly, di cui Alghero, Perugia e Trento sono state dichiarate “città pilota”. 
In cosa consiste la rivoluzione, il cambio di prospettiva che la certiifcazione “family” comporta, con il reindirizzamento delle politiche in ottica familiare, è stato spiegato da Luciano Malfer, direttore dell’agenzia della Famiglia di Trento. “Noi non diciamo ai comuni cosa devono fare, – ha affermato Malfer- noi mettiamo a sistema l’esistente e proponiamo un metodo“.
Sono entrati più nel dettaglio esponendo il loro Piano famiglia i comuni di Perugia e Todi, con una carrellata di buone prassi destinate ad arricchire il patrimonio di azioni e di iniziative che il Network rappresenta, spazio virtuale (grazie alla novissima sezione riservata con aree dedicate alla formazione, ai documenti e alle delibere) e rete di solidarietà e condivisione tra realtà locali, unite per garantire alle famiglie con bambini un ambiente accogliente, sicuro, riconoscente, “amico”. 
La giornata si è conclusa con il lancio della prossima convention, nel 2020. Si terrà a Bergamo e sarà, nell’augurio di tutti, un’altra tappa importante della rivoluzione della famiglia.

R.F.M.

Tutte le foto allegate all’articolo sono del fotografo Matteo Tabacchioni (matteo.foto@outlook.it) che ringraziamo per la gentile concessione.