• it
Recensione di “Come un buon padre – La famiglia salverà il mondo”

Recensione di “Come un buon padre – La famiglia salverà il mondo”

107 views
Condividi

Durante l’ultimo periodo di zona rossa in Lombardia ho avuto modo di leggere il libro di Emanuele Pizzatti “Come un buon padre – la Famiglia cambierà il mondo”.

Cosa vuol dire essere buoni padri e madri di famiglia? Tante volte me lo sono chiesta anche io in prima persona. Nel primo capitolo del libro troviamo una definizione molto appropriata a riguardo: “Un buon padre di famiglia, cosi come la buona madre, sono coloro che tengono ai figli, sono premurosi, fanno di tutto pur di realizzare l’interesse dei figli”.

Estendendo questa definizione a coloro che ricoprono il ruolo di amministrare i beni pubblici di tutti, possiamo dire che si comportano come Buoni Padri di famiglia, considerando il popolo intero come loro figli? Alla famiglia, struttura portante della società, viene riconosciuta l’importanza adeguata o ne viene assegnato un ruolo marginale? Può il benessere della società dipendere strettamente dal benessere della famiglia?

Il libro, strutturato in nove capitoli, cerca di rispondere a queste delicate ma importanti domande, con un linguaggio semplice ma concreto e diretto.

Nonostante i temi affrontati non mi erano nuovi, anche in ottica cristiana (denatalità, pensiero unico, aborto, eutanasia, scuola, educazione..), molti sono gli spunti di riflessione e le “annotazioni a margine” che la lettura di questo libro mi ha lasciato.

Nella vita da mamma di famiglia numerosa mi sono accorta di come i figli vengano spesso considerati un “intralcio” alla piena realizzazione economica, lavorativa, di sé stessi; le famiglie numerose considerate una “zavorra” per la società. Questo libro fa piazza pulita di questi inganni che talvolta si affacciano nei miei pensieri e ragionamenti, dando valore concreto alla famiglia, fondamenta (in quanto alla base, che sostiene) della società alla quale è doveroso prestare ogni cura e attenzione nel suo interesse.

di Valeria Leonardi