• it
Ottimo Veltroni, ma se non ora quando?

Ottimo Veltroni, ma se non ora quando?

451 views
Condividi

 

L’editoriale di Walter Veltroni apparso sul Corriere a fine anno sembra un copia-incolla di uno dei tanti documenti redatti da Anfn fin dal 2004.
Finalmente un altro politico – dopo altri leader come Renzi e Salvini – che apre gli occhi sul più grave problema che affligge l’Italia: il drastico, inesorabile, drammatico e irrecuperabile declino demografico.
Come abbiamo sempre sottolineato, Veltroni fa presente che prima o poi questo fenomeno presenterà il conto: disgregazione del sistema pensionistico e del Welfare, “scuole vuote e RSA piene”. Occorre ammettere la sua onestà: egli infatti mette in relazione la messa in opera di politiche familiari di largo impatto con la stabilità dei governi.
Perché è chiaro a tutti che vere politiche per favorire la natalità non portano voti nell’immediato e purtroppo la politica italiana ha sempre il respiro molto corto e occhi troppo attenti all’ultimo sondaggio. Quindi ci sono sempre “altre priorità”: ora è facile invocare come scusante la pandemia. E invece no, è proprio adesso il momento favorevole per investire sul futuro della nazione, se non altro per la quantità enorme di denaro che arriverà col Recovery Fund.
Il presidente Mattarella chiede giustamente di non disperderlo in mille rivoli, e allora quale momento migliore per dare un futuro e una speranza ad un Paese invecchiato e moralmente abbattuto? Insomma, se non ora, quando?

di Carlo Dionedi
Responsabile Unità politica Anfn

 

Editoriale del CORRIERE DELLA SERA: Quei numeri che non vediamo di Walter Veltroni