• it
Dietro il «no» al quoziente fiscale c’è un pensiero contro la famiglia

Dietro il «no» al quoziente fiscale c’è un pensiero contro la famiglia

292 views
Condividi

Chi si oppone al cumulo dei redditi e alla riduzione delle tasse in base ai figli sostiene che questo disincentiva il lavoro femminile. Nella realtà accade ben altro. Lo dimostra l’esperienza europea

Quando ci si chiede come mai in Italia da trent’anni a questa parte nascano sempre meno bambini, perché la crisi strutturale della natalità nel nostro Paese stia facendo mancare i giovani che lavorano, aumentare i costi previdenziali e sanitari, e in prospettiva farà perdere sempre più quote di Prodotto interno lordo, ci si dimentica di considerare un aspetto: questa crisi è voluta. Certo, non nei termini in cui si manifesta, ma in una delle sue cause principali e strutturali: la fragilità della famiglia con figli.

C’è un filone di pensiero molto ben rappresentato a vari i livelli, quasi un movimento trasversale anti-famiglia, che da anni sembra lavorare contro la composizione di un quadro coerente di misure per sostenere la formazione e il mantenimento dei figli. Non si tratta di scenari complottisti, è qualcosa di molto semplice e a tratti involontario. Agli anti-famiglia non piacciono le coppie con figli, soprattutto se questi sono più di uno o due, mentre la famiglia numerosa viene “accettata” solo se in condizioni economiche tali da doversi rivolgere agli sportelli Caritas, oppure se è frutto di un contesto in cui la ricchezza patrimoniale è tale da rendere superfluo lavorare, se non come opportunità relazionale e di realizzazione di sé. La famiglia semplice con 2-3-4 figli, tipo quelle che si incontrano in Francia, Germania, Danimarca, Svezia… e che in estate varcano le Alpi e calano a vivacizzare i nostri campeggi, no, quelle proprio no.

Continua a leggere l’articolo completo su avvenire.it di Massimo Calvi

A sostegno di quanto espresso molto bene in questo articolo, alleghiamo due tabelle, pubblicate, da eurostat, in cui l’Italia è ultima in Europa come nazione con famiglie con 4 o più figli.