• it
Comunicato n° 13

Comunicato n° 13

1 views
Condividi







Carissima famiglia,

Carissima famiglia,

 

finalmente, e con gioia, troviamo il tempo per scrivervi e
aggiornarvi sulle ultime novità. L’Associazione cresce ogni giorno di più e con
essa l’allegria e l’impegno nella condivisione e nello scambio fraterno. La
tessera che state ricevendo con questa lettera, ci identificherà da ora in poi
– ancor di più – come "famiglia di famiglie": per favore,
conservatela con cura poiché non avremo la possibilità di rifarla in caso di
smarrimento (il numero progressivo stampigliato, identifica infatti univocamente
il codice di ogni associato). Sulla piccola banda bianca, possibilmente con
pennarello indelebile, potete scrivere il cognome e il nome di mamma e papà.
Servirà per accedere alle convenzioni che stiamo portando a termine (Fiat su
tutte) ed è il dono che RAS Assicurazioni ci ha voluto fare come segno di
simpatia. Insieme alla tessera associativa, la RAS ci ha riservato anche uno
sconto speciale sulle polizze (per esempio, 15% sulla RC Auto); tutti i
particolari della convenzione, li trovate sul nostro sito (oppure, potete
chiederli ai coordinatori provinciali o regionali, il cui elenco completo si
trova qui allegato). Ora possiamo davvero iniziare ad intavolare trattative
commerciali con la certezza di essere identificabili: siamo sicuri che presto
ne vedremo delle belle!

 

Per quanto riguarda la situazione politica, siamo stati accolti
con simpatia e attenzione da molti parlamentari, di entrambi gli schieramenti.
In modo particolare, si sono messi a nostra disposizione, con amicizia e molta
disponibilità, Elisabetta Gardini di Forza Italia, Tiziano Treu della
Margherita e il Ministro Rocco Bottiglione dell’UDC (che abbiamo incontrato più
volte e possiamo ormai considerare un amico dell’Associazione: non a caso, è
papà di quattro figlie!). Purtroppo, nonostante il grande impegno profuso
affinché la Finanziaria 2006 ci portasse qualche risultato, ancora una volta la
famiglia numerosa non è entrata tra le priorità del governo. Abbiamo
praticamente consumato tutte le giornate di ferie e permessi arretrati per
andare più volte a Roma, siamo stati più insistenti della vedova nella parabola
evangelica, abbiamo ascoltato promesse che parevano certezze, abbiamo
dimostrato coi numeri che soddisfare le nostre richieste non avrebbe comportato
un granché di esborso (per esempio: gli assegni familiari oltre i 18 anni per
le famiglie numerose, sarebbero costati solo 25 milioni di euro, un’inezia di
fronte ai 750 milioni spesi per l’inutile – almeno per noi che i figli li
abbiamo già messi al mondo – "bonus bebé"). Eppure, abbiamo fallito
nella nostra missione. Anche stavolta, dalla Finanziaria, nulla. Che dire?
Riproviamoci. E’ 50 anni che le famiglie numerose vengono ostacolate, umiliate,
punite; non sarà questa ennesima delusione a fermarci, non ora. Abbiamo sempre
saputo che il nostro treno non è un Eurostar ma un locale. E’ scomodo, è freddo
quando fa freddo ed è caldo quando fa caldo, va piano e si ferma a tutte le
fermate, ma proprio per questo lascia il tempo di raccogliere tutti, i più
disagiati soprattutto. E’ per loro che continueremo la corsa. Chi ha caldo
quando fa freddo e freddo quando fa caldo, non ha bisogno della nostra
Associazione. Ma le famiglie numerose sì, ed è con voi che andremo avanti,
finché un bel giorno d’inverno gelido, riusciremo anche noi ad avere un briciolo
di tepore. Contateci.

 

E se nessuno ci apre la porta, possiamo sempre aprire noi le porte
delle nostre case! Sul nostro volantino d’altronde, l’avete visto, campeggia la
scritta: "Contiamo su di noi". Quante volte ce lo siamo detto, mamma
e papà, di fronte all’azzurro del test di gravidanza? Coraggio, ce la faremo,
eccome se ce la faremo! E allora, perché non iniziare davvero ad impegnarci,
come in famiglia, per mettere a disposizione delle altre famiglie le nostre
capacità, competenze, professionalità, oltre all’amicizia e all’affetto
reciprochi? Ci chiediamo: perché, se ho un problema fiscale, tributario,
legale; perché, se ho dubbi in ambito educativo, scolastico, sanitario; perché,
se devo chiamare un elettricista, un idraulico, un muratore, un meccanico, devo
rivolgermi spesso a degli sconosciuti? Non è forse meglio rivolgermi a chi,
come noi, ha una famiglia numerosa? Potrà capirmi e aiutarmi meglio, senza
dubbio. E soprattutto, non mi svuoterà le tasche! E allora, cara famiglia,
proviamo tutti a metterci a disposizione degli altri. Una nostra mamma,
consigliere nazionale, Marilia Zenzaro (Via Gatti Casazza, 42 – 44100 Ferrara,
e-mail mariliaz@libero.it), si mette a disposizione per raccogliere le vostre
disponibilità. In base alle richieste scritte sulle domande di ammissione, le
priorità sono quelle di seguito descritte. Ma se ne possono aggiungere
tranquillamente anche altre, in modo da creare una banca dati delle capacità –
gratuite o a pagamento – che sappiamo mettere in campo tra noi. Perché, come
sempre… contiamo su di noi!

 

Per quanto riguarda l’Associazione in quanto tale, stiamo
procedendo speditamente per l’iscrizione all’Albo delle APS (Associazioni di
Promozione Sociale); in tal modo potremo essere riconosciuti ad ogni tavolo e,
perché no, iniziare a chiedere finanziamenti per le nostre attività sociali.
Siamo anche iscritti al Forum delle Associazioni Familiari, la nota
"associazione di associazioni" che in Italia difende a spada tratta
la famiglia. Proprio recentemente, è stato prodotto un importante documento
rivolto a tutti i parlamentari: si intitola "Famiglia sei priorità"
ed elenca sei punti irrinunciabili per la prossima legislatura. Il Forum delle
Associazioni familiari lancia le sue proposte a tutto il mondo della politica
ed a tutta la società civile italiana, chiedendo politiche serie e rigorose per
la famiglia, non interventi residuali o dettati dall’emergenza, o temporanei.
Chiede quindi, ai Partiti e ai candidati alle elezioni che condividono le sue
analisi e le sue preoccupazioni, una adesione convinta ai principi ispiratori e
alle misure concrete che il Forum propone. Nel corso della prossima legislatura
il Forum, rivendicando un proprio ruolo ed una propria presenza,  nei luoghi in cui queste politiche
verranno elaborate, verificherà l’attuazione di quanto proposto, valuterà gli
interventi e analizzerà i risultati ottenuti, vigilando attentamente, con il
rigore e l’imparzialità che da sempre lo contraddistinguono, sulla concreta
realizzazione di vere politiche familiari.

 

Aggiungiamo qualche nota anche sull’importante incontro che tre
nostri consiglieri, Soprana, Lodolo e Guarini, hanno avuto a Bruxelles. L’ANFN
fa parte da qualche mese della ELFAC (European Large Families Confederation),
cioè l’Associazione che riunisce in Europa le varie Associazioni di famiglie
numerose esistenti: la nostra, quella portoghese, quella spagnola, la lituana,
l’ungherese, l’olandese, la greca. L’Elfac ha così organizzato un primo
incontro presso il parlamento Europeo. Anzitutto con la Presidente
dell’Intergruppo della Famiglia e della Protezione all’Infanzia, Marie
Panayotopoulos-Cassiotou. Nel corso del colloquio, ha sorprendentemente
suggerito ai presenti di non adoperare il termine "famiglia" perché
ritenuto "sconveniente" – soprattutto da alcuni paesi dell’Unione
Europea – ma di puntare sulle "discriminazioni" alle quali sono
soggette le famiglie numerose (fiscalità, servizi, studio-educazione, consumi
etc). Insomma, bisogna dire di essere gay o Indiani d’America per essere ascoltati
in Europa… Successivamente l’incontro con il Commissario Europeo del Lavoro,
Problemi Sociali e Pari Opportunità Dr. Vladimir Spidla, ponendo dunque
l’accento sulla "discriminazione" subita dalle famiglie numerose in
Europa. A seguire, l’incontro con il Presidente della Commissione Europea, Dr.
José Durão Barroso: foto di rito, pacche sulle spalle, conteggio dei figli
totali (Barroso ne ha 3) e tanti saluti. Il giorno successivo, la nostra
delegazione ha incontrato il Commissario Frattini; sono state presentate le
mission di ANFN ed Elfac, spiegando gli obiettivi della visita a Bruxelles,
cioè sensibilizzare le istituzioni europee sul tema delle famiglie numerose
discriminate. Essendo Frattini il Commissario per l’immigrazione ed
integrazione dei popoli, ci ha suggerito di promuovere progetti
"educativo-formativi" che recuperino, rivalutino e rivitalizzino i
nostri valori attraverso il sostegno alla famiglia numerosa per mantenere vive
la storia e la tradizione di tutta la cultura europea nonché del popolo
italiano. L’attenzione quindi a livello europeo è soprattutto per il crollo
demografico, e a tutti i problemi relativi. Su questo infatti è stato anche
costituto un Working Group per il quale ANFN ha dato la disponibilità a
partecipare. A corollario degli incontri istituzionali sono stati assai utili i
confronti con i rappresentanti dell’Associazione spagnola (prima nata e assai
organizzata) e portoghese, soprattutto riguardo all’organizzazione della
struttura ed a sponsorizzazioni/accordi commerciali già attuati.

 

               
Concludiamo con una importante iniziativa che vorremmo portare avanti:
"un figlio, un voto". Oggi il voto di ogni cittadino vale per il
singolo cittadino stesso e da questo punto di vista il voto di un padre o di
una madre di otto figli vale quanto quello di un single. C’è un evidente
squilibrio. Pensate poi che noi genitori vicariamo i figli per tutti quelli che
sono i doveri legati alla cittadinanza: lavoriamo, paghiamo le tasse, li
educhiamo, alimentiamo, cresciamo. Ci deve essere dato di vicariare anche i
diritti, primi fra tutti quelli civili. Se i figli non sono un optional come
una moto o una vacanza, ma rappresentano un dono per la società, la scelta di
mettere al mondo un figlio non deve essere considerata un fatto privato. La
società deve riconoscere sotto tutti gli aspetti che è nato un nuovo cittadino.
Non siamo di fronte ad un pensiero nuovo: nel 1848 il sacerdote e filosofo A.
Rosmini nel suo "Progetti di costituzione", propose che al
capofamiglia fosse dato un voto per ciascuna bocca da sfamare (moglie e figli).
La nostra associazione non poteva restare alla finestra anche perché, una
simile modificazione del corpo elettorale, oltre a costituire un atto di
giustizia, sposterebbe l’attenzione dei candidati e degli eletti verso quei
problemi di giustizia, legati alle esigenze della famiglia e dei figli, di cui
siamo portatori. Per questo motivo abbiamo costituito un gruppo di studio
sull’argomento, di cui responsabile è il nostro associato Dr. Alvaro Ringressi
di Firenze (Via Gaspero Barbera n° 31 
50134 Firenze a.ringressi@virgilio.it  Tel/fax: 055483326). Contattatelo, sia per esprimere una
semplice opinione che per impegnarvi direttamente nell’attività del gruppo.
Dobbiamo vincere questa battaglia! Invitiamo caldamente ciascuna famiglia a
meditare ed a far proprio questo progetto ed a dare il proprio contributo.

 

               
E infine, ricordiamo a tutti che è stata fissata la data della prossima
assemblea/festa nazionale: sarà nei giorni 8/9/10 dicembre, questa volta al
Nord (Emilia o Veneto). Abbiamo visionato spazi e alberghi (basta campeggi…
anche perché ci costa addirittura di meno!) per ospitare circa 3.500 persone:
dato che associati siamo molti di più (già oggi diecimila persone, per fine
anno forse il doppio andando avanti così!), è il caso che cominciate a farci un
pensierino perché, quando apriremo le danze, i primi a dire "sì"
saranno, come è giusto, anche quelli sicuri di poterci essere. E sarà, ancora
una volta, una fantastica festa d’amore e amicizia!

 

Per ora è tutto, Vi abbracciamo fraternamente, buon cammino

 

 

 

Mario e Egle Sberna, presidente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Competenze e Professioni di cui ha bisogno l’Associazione o
gli associati:

 

Comunicare la propria disponibilità a collaborare o la propria
competenza professionale a:

 

 Marilia Zenzaro, Via
Gatti Casazza, 42 – 44100 Ferrara, e-mail mariliaz@libero.it

 

 

 

 

 

Consulenza sanitaria (specificare la malattia)

        

 

Compravendita mezzi di trasporto

 

Consulenza pediatrica

        

 

Compravendita abitazioni

 

Consulenza geriatrica

        

 

Consulenza amministrativa (come fare documenti)

 

Consulenza psicologica

        

 

Consulenza immigrazione (rinnovo permessi ecc.)

 

Consulenza scolastica

        

 

Consulenza assegni familiari/ISEE/etc.

 

Lezioni recupero (specificare la materia e il ciclo)

        

 

Consulenza fiscale

 

Consulenza universitaria

        

 

Consulenza finanziaria (mutui, investimenti)

 

Cure odontoiatriche/specialistiche

        

 

Consulenza informatica

 

Conoscenza politica amministrativa nei Comuni/Province

        

 

Consulenza legale

 

Conoscenza politica amministrativa nelle Regioni

        

 

Consulenza pensionistica

 

Contatti con dirigenti grandi catene negozi e ipermercati

        

 

Consulenza sindacale

 

Contatti con dirigenti grandi imprese per convenzioni

        

 

Consulenza fund raising

 

Animazione Incontri/eventi/feste

        

 

Consulenza sito Internet

 

Realizzazione grafica/stampa materiale cartaceo

        

 

Gestione Mercatino dell’usato (sito)

 

Traduzioni (specificare in quali lingue)

        

 

Consulenza per risparmio energetico

 

Produzione propria prodotti alimentari/abbigliamento

        

 

Consulenza per risparmio telefonico

 

Gruppi di Acquisto solidale e Banche del tempo

        

 

Attività professionali e artigianali (specificare quale)

 

Vacanze, gite

        

 

Coordinamento Associazione nella propria zona

 

Realizzazione Giornale dell’Associazione

        

 

Altro…

 

 

Condividi
Previous articleCremona: investire sulla famiglia
Next articleComunicato n° 14