• it
Assegno unico contro Isee: c’è un cortocircuito tra fisco e famiglia

Assegno unico contro Isee: c’è un cortocircuito tra fisco e famiglia

507 views
Condividi

Pochi avrebbero però immaginato che nel giro di un paio d’anni emergessero così tante criticità da spingere qualcuno a pensare che, forse, “si stava meglio quando si stava peggio”. Ecco perché.

Quando è stato introdotto l’assegno unico e universale, nel marzo 2022, molti hanno notato che la vera rivoluzione consisteva nell’aver fatto ordine in un sistema di sostegni alle famiglie fino a quel momento piuttosto confuso, anche se è stato chiaro da subito che ci sarebbero voluti ulteriori interventi per rendere più efficiente la nuova misura. Pochi avrebbero però immaginato che nel giro di un paio d’anni emergessero così tante criticità da spingere qualcuno a pensare che, forse, come capita di dire, “si stava meglio quando si stava peggio”. In realtà nessuno ha ancora avuto l’ardire di esprimersi in questi termini, ma a giudicare dagli argomenti del dibattito è possibile che presto la fatidica frase venga pronunciata.

Uno degli argomenti critici sollevati di recente riguarda l’impatto che l’Assegno unico ha sull’Isee. Il contributo economico per i figli, infatti, facendo salire il reddito di una famiglia, può ridurre o far venir meno altre agevolazioni che sono collegate alla presentazione della dichiarazione Isee, come il bonus nido, gli sconti alla mensa scolastica, il bonus bollette, il bonus psicologo, e via dicendo.
“Avvenire” ha segnalato più volte il problema, riportando le posizioni del Forum delle Famiglie e dell’Associazione nazionale famiglie numerose. Di recente l’onorevole pd Graziano Delrio, uno dei “padri” dell’Assegno unico, ha presentato un’interrogazione in merito, e il governo ha risposto che la revisione dell’Isee è al centro dei lavori del tavolo tecnico che coinvolge vari ministeri.

Continua a leggere l’articolo completo su avvenire.it di Massimo Calvi