• it
NAZIONALE CALCIO ANFN, secondo posto al torneo San Vincenzo

NAZIONALE CALCIO ANFN, secondo posto al torneo San Vincenzo

377
Condividi

Torneo della Solidarietà San Vincenzo 6 giugno:

Si è concluso con la vittoria della squadra del San Basilio Soccer Club, a 3°edizione del Torneo Nazionale della Solidarietà giocato nel bellissimo impianto sportivo del Santa Costanza di San Vincenzo (Gr). Il bel tempo ha fatto da cornice alle sfide calcistiche che nei giorni di sabato hanno visto darsi battaglia nove squadre, provenienti da tutta Italia. Con una temperatura abbastanza calda, tutti i partecipanti non si risparmiavano dando il meglio di se stessi.
9 erano le squadre, a contendersi l’unico posto per acceder alla finale di domenica mattina.
Nel girone A si sfidavano la nazionale Agenti Immobiliari, San Basilio Soccer Club, Nazionale Confindustria, nel girone B Nazionale Famiglie Numerose, A.S Tribunale Grosseto, Nazionale Pediatri, nel girone C la Seleçao Sacerdoti Calcio, A.I.A.C Grosseto Team, e il Real Monterotondo.
Le partite si giocavano con 2 tempi da 20’ minuti ciascuno.
Nel girone B la Nazionale Famiglie Numerose aveva la meglio sulla squadra dell’A.S Tribunale di Grosseto per 2 – 0 e si ripeteva contro la Nazionale Pediatri per 2 a 1e con due vittorie accedeva alla finale come vincente del girone B.
Nella finalissima si affrontavano per prime le formazioni del San Basilio Soccer club e Nazionale Famiglie Numerose padri di 114 figli per un totale di 15 giocatori, che davano del filo da torcere ai più giovani avversari del San Basilio, ma alla fine la vittoria andava al San Basilio con un netto 2 a 0.
A seguire in campo La Seleçao Sacerdoti Calcio contro la Nazionale Famiglie Numerose, che si riversava subito in attacco mettendo in seria difficoltà la difesa in maglia gialla della seleçao fino al sospirato vantaggio con il bomber Mimmo Agostini, ma passavano pochi minuti che la seleçao si portava sul pareggio con un bel tiro del Bomber Bagnoli che sorprendeva il portiere delle Famiglie numerose; quando ormai il pareggio sembrava il risultato finale, in zona Cesarini il capitano Antonello Crucitti con una caparbia azione personale metteva dentro la palla del 2 a 1 per la sua squadra conquistando la vittoria. Nel l’ultimo incontro la Seleçao si vedeva opposta alla Squadra di San Basilio a cui bastava un punto per aggiudicarsi il torneo, gestiva bene la palla senza affondare e lasciando svanire le ultime energie della seleçao che non impensieriva più di tanto la difesa avversaria, quindi si arrivava al fischio di chiusura dell’ottimo arbitro signor Orizzonte con il risultato di parità che determinava la vittoria del 3° Torneo Nazionale Della Solidarietà al San Basilio Soccer Club.
Alla fine le premiazioni sul campo e ringraziamenti alle squadre partecipanti, dandosi appuntamento al prossimo anno per la quarta edizione 2011.

Classifica finale:
1° classificato San Basilio Soccer Club
2° classificato Nazionale Famiglie Numerose
3° classificato Seleçao Sacerdoti Calcio
Premio Fair Play al giocatore Domenico Agostini della Nazionale Famiglie Numerose.

I Giocatori della Famiglia di Famiglie
L’appuntamento per i giocatori era per la cena del venerdì 4 giugno al Riva degli Etruschi. L’arrivo a scaglioni è una caratteristica di noi papà che lasciamo i nostri figli alla totale gestione delle adorabili mogli per la nostra attività di giocatori.
Ci ritroviamo, dopo una brevissima sistemazione nelle camere per la cena e per i racconti dei fatti accaduti dall’ultima volta che ci siamo visti: La morte della mamma di Pier, l’arrivo del 9° figlio di Mister, la disavventura di Francesco con il suo mezzo, l’intervento di tumore alla mamma…solo alcuni episodi per una condivisione di gioie e dolori.
Un briefing dopo cena per i nostri progetti futuri, tanti ma veramente ardui senza i soldi di sponsor che ci possano aiutare. Non possiamo crescere togliendo oltre al tempo anche preziose risorse alle nostre famiglie. Alcune idee che chiederemo a tutti Voi che leggete di poter supportare. Con l’occasione sotto la giusta pressione del Presidente Mario Sberna, viene nominato un addetto stampa (il sottoscritto ndr) e Giulio suo vice nonchè fotografo ufficiale.

Mattina sveglia presto, colazione e poi in riva al mare a Lodare il nostro Titolare. Si recitano lo Lodi Mattutine, un momento fondamentale e importantissimo della nostra squadra. Si loda il Signore per il creato, si prega per i nostri cari e la nostre famiglie, si condividono le nostre sofferenze e si chiede al Signore che ci renda suoi Testimoni tramite i nostri piedi, con quello che ci riesce meglio: giocare a calcio.
Una passeggiata per ossigenarsi e conoscere meglio alcuni nuovi papà : Mimmo e Arnaldo.
E’ ora di un piatto di pasta e poi al campo, pronti al nostro girone. Vinciamo la prima partita con i ragazzi del Tribunale di Grosseto che ci salutano sportivamente e ci giochiamo il passaggio del turno con la Nazionale Pediatri. Simpatica la combinazione che mette di fronte noi pluripapà “primi fornitori” del lavoro e i Pediatri che con il piede ci sanno comunque fare. Si vince anche la seconda partita con un po’ di fatica, reagiamo alla sfortuna e ad alcune decisioni arbitrali che, diciamolo sportivamente, non hanno molto aiutato in tutto il torneo.
Felici di aver passato il turno, preoccupati per gli infortuni, gli acciacchi, i dolori, di corsa a far la doccia perché ci aspetta il momento più importante della giornata. L’incontro con il nostro Titolare per festeggiare il Corpus Domini. E’ una corsa per San Vincenzo per riuscire a trovare in tempo l’orario e la Chiesa giusta, ma ce la facciamo (abbiamo corso più per andare a messa che in tutta la partita). Alla fine della Celebrazione il Monsignore che ha presieduto l’Eucaristia ha voluto fare una foto con noi e nel ringraziarlo abbiamo chiesto la benedizione per noi e per le nostre famiglie rimaste a casa. Una passeggiata per San Vincenzo per scaricare la tensione, chiamare i nostri cari e per gustarci un gelato.
La cena di Gala, anticipata dalla nostra preghiera della mensa recitata dal nostro Mister, si è svolta linearmente e siamo andati a dormire: chi cercando di curare i propri muscoli, chi cercando di recuperare le forze. Purtroppo c’è Pier che ha ricevuto la notizia di suo papà che non è stato bene. Domani mattina partirà anzitempo. Siamo papà, ma anche figli e i nostri genitori hanno necessità di cure perchè il tempo non fa sconti a nessuno.
E’ il giorno delle finali. Facciamo colazione e, prima di andare a giocare e parlare di tattica, abbiamo necessità di lodare il Signore. Recitiamo le Lodi mattutine nel parco del Riva degli Etruschi tra il canto degli uccellini e gli scoiattoli che saltano di ramo in ramo. La lode del salmo “Benedite Voi tutti il Signore” è davvero indicato. Un ricordo del Mister alla nostra missione di papà testimoni anche giocando a calcio ci porta allo Stadio.
La tensione è tanta, la pressione dei giovani è altissima. Ci giochiamo tutto in 70 minuti e seppur decimati e sofferenti fisicamente portiamo a casa il 2° posto del Torneo. E’ gioia per tutti condividere ancora il pasto per fraternizzare ancora con chi per qualche mese non vedremo, per scambiarsi i numeri, per ringraziare i nuovi innesti per la loro professionalità di calciatori e la comunione di fratelli di questa famiglia di sportivi.
…“meglio degli eroi sono le loro gesta”… ognuno di noi non è nessuno, ma la nostra Squadra è Unita, Forte, con Ideali che la rendono Unica e Grande.
Alle nostre prossima gesta… e se ci fosse qualche calciatore con importanti esperienze calcistiche si faccia vivo con il nostro Mister. C’è una Nazionale che testimonia la famiglia in giro per l’Italia.

Roberto Corona
Addetto Stampa Nazionale Calcio Famiglie Numerose.