• it
ANFN per un reale diritto di rappresentanza nelle scuole

ANFN per un reale diritto di rappresentanza nelle scuole

285
Condividi

Due, tre, qualche volta anche più figli nello stesso istituto, eppure un solo voto per mamma e papà alle elezioni del Consiglio di Istituto.
Una stranezza che ha il sapore della discriminazione.
La discriminazione scolastica a carico delle famiglie con più figli (il fatto di poter votare una sola volta per il Consiglio di Istituto scolastico pur
in presenza di più figli) è ancor più grave e radicata di quanto potevamo pensare.

L’episodio non riguarda l’interpretazione di un singolo Istituto e di un singolo Ufficio Scolastico Provinciale (ex provveditorato), bensì l’intero
Ministero della pubblica istruzione, in quanto la disposizione discriminante è contenuta nell’ Ordinanza Ministeriale del 15 luglio 1991,
n. 215 al comma 8 dell’art. 27 che ha valenza su tutto il territorio nazionale.
Sappiamo bene quale ruolo dovrebbe avere la sinergia tra scuola e famiglia nell’educazione e crescita dei figli, ed invece a noi famiglie numerose è vietato il diritto alla rappresentanza !

Stefano Lipparini
Coord.re Prov.le di Bologna