• it
Storia di un’azienda pro-family

Storia di un’azienda pro-family

133 views
Condividi
Per 40 anni Roberta Zivolo ha sempre incoraggiato le proprie collaboratrici in azienda a sposarsi e ad avere figli

Progetto 2000 Group è un’azienda italiana da record. Non per il fatturato, che pure è florido, ma per l’orientamento “rosa” e pro-family. I numeri parlano chiaro: 75 dipendenti su 80 sono donne, la maggior parte delle quali ha almeno un figlio. Nessuna di loro ha mai lasciato l’azienda dopo la maternità. Sono inoltre ben 127 i bambini nati dalle dipendenti di Progetto 2000 Group in quarant’anni. Roberta Zivolo, fondatrice dell’azienda milanese, ha raccontato ad «iFamNews» il segreto del successo del suo formidabile team.

Nella vostra azienda «si entra e si esce con un sorriso»: come si fa a mantenere il buonumore e uno spirito fraterno tra colleghi, in un mondo del lavoro sempre più spietato e competitivo?

Trattare gli altri come vorrei essere trattata io, in tutto e per tutto. Da questa mia esigenza, come risultato, in Progetto 2000 Group si incentiva innanzitutto la maternità, si elargiscono i benefit, come, ad esempio: orario di lavoro flessibile; possibilità di tenere in ufficio il proprio cane, corsi di formazione sulla persona e professionale; possibilità, durante l’orario di lavoro, di poter farsi trattare con un massaggio Tuina, per ovviare all’osteoporosi, problematica prettamente femminile.

Inoltre, le mie collaboratrici non hanno avuto remore nel venire da me nemmeno quando mi hanno chiesto di andare insieme a una quindicina di loro, a visitare le mostre d’arte. Loro sono libere di venire a chiedere tutto quello che è necessario per il ben vivere in azienda e insieme valutiamo se è necessario. In questo modo si ottiene un ambiente vissuto da donne brave, motivate e felici. L’elenco di tutti i benefit li ho pubblicati nella mia autobiografia La nuova Eva salverà il mondo! Eva è l’acronimo di essere, vita, amore. Mi reputo una donna del fare, ho dedicato ben poco tempo a parlare, ma moltissimo tempo nell’ascoltare i miei maestri di vita, che non ringrazierò mai abbastanza per i doni da loro ricevuti, come la pratica della meditazione e della preghiera, che fanno ottenere grande giovamento alla qualità dell’ascolto.

Leggi l’articolo completo su: ifamnews.com di Luca Marcolivio