• it
Rimini, “l’assegno unico per i figli? Noi ne abbiamo 6, è un...

Rimini, “l’assegno unico per i figli? Noi ne abbiamo 6, è un grande aiuto”

543 views
Condividi

Un assegno mensile fino a 175 euro, che scendono a 85 per i figli maggiorenni tra i 18 e i 21 anni, con domande da inoltrare all’Inps dal 1° gennaio 2022 e pagamenti in arrivo a partire da marzo. Questi i tratti essenziali dell’Assegno Unico universale per i figli introdotto dalla legge delega 46 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 6 aprile scorso e reso operativo dal decreto attuativo approvato dal Consiglio dei ministri giovedì 18 novembre. A beneficiarne saranno tutti i nuclei con figli a partire dai 7 mesi di gravidanza fino ai 21 anni di età, purché studino o stiano cercando lavoro, e, novità delle novità, potranno goderne in base all’Isee sia i lavoratori autonomi che quelli dipendenti con uno o più figli
a carico. Lo strumento, che concentra tutti gli aiuti attualmente previsti per le famiglie, manda inoltre in pensione l’assegno «ponte» voluto dal Governo Draghi e riservato ai disoccupati e ai titolari di partita Iva, coloro cioè che fino a ora non avevano avuto accesso agli assegni familiari o Anf. Una notizia che non può che essere accolta con grande soddisfazione soprattutto nei nuclei più cospicui, come rivela Paolo Nanni, presidente provinciale dell’Associazione Famiglie Numerose di Rimini e membro del direttivo nazionale.

Continua a leggere l’articolo su corriereromagna.it di Nicola Strazzacapa