• it
Grazie alla tenacia di Anfn, approvato emendamento, ma la strada per l’equità...

Grazie alla tenacia di Anfn, approvato emendamento, ma la strada per l’equità fiscale è ancora lunga

180
Condividi

In una legge di bilancio che ancora una volta ha ignorato le famiglie con figli, dimenticando che solo investendo sulla famiglia si può davvero dar fiato alla ripresa economica, in zona Cesarini è stata approvato un emendamento che risponde finalmente ad una richiesta che Anfn avanza al mondo politico fin dalla sua nascita.
Parliamo della soglia di reddito per essere considerato “familiare a carico”, che passa dai 2.840 euro fissati nel 1986 (allora erano 5 milioni e mezzo di lire) a 4.000 euro per figli fino a 24 anni.

E’ chiaro che la cifra è ancora molto modesta, se pensiamo che l’ISTAT — ente statale — fissa in 9.000 Euro il montante di spesa necessaria per mantenere un figlio per un anno. Tuttavia è un primo passo verso un’equità che in Italia appare ancora lontana.
L’aumento di questa soglia inoltre è da considerarsi un vero investimento, i nostri figli potranno lavorare senza incidere negativamente sulle entrate familiari complessive e non avranno la tentazione di farlo in nero.

Rimane l’amarezza di constatare che altre richieste che abbiamo avanzato sono state ignorate e che la misura è stata approvata solo a seguito della pressione lobbistica esercitata con la solita tenacia dal gruppo politico di Anfn, a cui va il nostro “grazie”.

Al momento è previsto che la nuova norma entri in vigore dal 1 gennaio 2019!!!
Tale scelta resta per noi priva di ogni plausibile giustificazione.

Carlo Dionedi
vicepresidente