• it
Festival della Famiglia a Todi

Festival della Famiglia a Todi

119 views
Condividi

“Family for the future” è il titolo del primo festival della Famiglia di Todi.
Quattro giorni di seminari, incontri, momenti di riflessione ed eventi “per declinare la famiglia al futuro”.
Tra gli ospiti dell’appuntamento organizzato dall’Ufficio delle politiche familiari del Comune, Luciano Malfer direttore dell’agenzia per la famiglia, coesione sociale e giovani della Provincia autonoma di Trento, i presidenti della nostra associazione Mario ed Egle Sberna, i coordinatori del Network nazionale dei comuni amici della famiglia Filomena e Mauro Ledda, Giancarlo Blangiardo, presidente dell’Istat, Raul Sanchez per Elfac insieme a sociologi, economisti, educatori e tanti relatori.

“Con il Festival delle politiche familiari, il comune di Todi – spiega l’assessore alle politiche familiari Alessia Marta – vuole riportare l’attenzione sul tema del benessere familiare che è stato messo in secondo piano. Occorre più che mai oggi spingere l’acceleratore per effettuare quel cambio di paradigma che permette di vedere la famiglia non più come un problema ma come una risorsa. A Todi non ci sono nati nel mese di gennaio e febbraio quest’anno, il che significa che nei mesi del lockdown non sono stati concepiti bambini,
a dimostrazione del fatto che solo chi è proiettato verso il futuro con speranza pensa ad un figlio. Con Family for The Future tenteremo di rinforzare questa idea, condividendo inoltre politiche e buone prassi diffuse in altre regioni e città con quelle attuate nel Comune di Todi”.

Punto di riferimento le politiche familiari trentine e il Network nazionale dei comuni amici della famiglia al quale hanno aderito ad oggi più di 100 comuni italiani.

Presente al Festival la vicepresidente del Consiglio regionale dell’Umbria Paola Fioroni, prima firmataria di una proposta di legge regionale sulla famiglia che ha preso l’impegno di portare le buone pratiche di cui si è parlato durante il Festival all’attenzione della massima assise regionale.

di Filomena Cappiello Ledda