• it
Addizionale Regionale Irpef per il Veneto

Addizionale Regionale Irpef per il Veneto

5 views
Condividi

Delle aliquote regionali…che stanno per aumentare…attenzione!

Nella scorsa legge Regionale era stata approvata la seguente norma, che permetteva di richiedere la riduzione della aliquota regionale al minimo per le famiglie numerose.

Questa norma non è molto conosciuta dagli uffici personali dei dipendenti e dai commercialisti ed è per questo che vi invitiamo a ricordarla per risparmia qualche soldino.

Giuseppe Guarini – Coordinatore di Padova





Delle aliquote regionali…che stanno per aumentare…attenzione


Delle aliquote regionali…che
stanno per aumentare…attenzione!

Nella scorsa legge Regionale era stata approvata la
seguente norma, che permetteva di richiedere la riduzione della
aliquota regionale al minimo per le famiglie numerose.

Questa norma non è molto conosciuta dagli uffici
personali dei dipendenti e dai commercialisti ed è per questo che vi invitiamo a ricordarla per risparmia qualche soldino.

Giuseppe Guarini
Coordinatore di Padova

Eccovi il testo approvato l’anno scorso.

Legge
regionale 26 novembre 2005, n. 19 (BUR n. 112/2005)

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI REGIONALI

 

4. Per l’anno 2006,
l’aliquota dell’addizionale regionale IRPEF resta altresì fissata nella
percentuale dello 0,9 per cento per i soggetti aventi un reddito imponibile ai
fini dell’addizionale regionale IRPEF non superiore ad euro 50.000,00 aventi
fiscalmente a carico, ai sensi del comma 3 dell’articolo 12 del
decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 “Approvazione
del testo unico delle imposte sui redditi”, tre figli. Qualora i figli siano a
carico di più soggetti, l’aliquota dello 0,9 per cento si applica solo nel caso
in cui la somma dei redditi imponibili ai fini dell’addizionale regionale IRPEF
non sia superiore ad euro 50.000,00. La soglia di reddito imponibile di cui al
presente comma è innalzata di euro 10.000,00 per ogni
figlio a carico oltre il terzo.

 


Giuseppe Guarini

Condividi
Previous articleANFN sui Pacs
Next articleLa bellezza di essere in tanti