• it
Elettricità, autorità incrementa il bonus

Elettricità, autorità incrementa il bonus

358
Condividi

Siamo davvero contenti di questi provvedimenti, che sono a coronamento di un lavoro di anni fatto dai volontari della nostra Associazione: tutto è iniziato con un dialogo avviato con Carlo Giovanardi, che nel 2008 era sottosegertario con delega alla Famiglia. Attraverso di lui siamo riusciti a interessare l’Authority per l’Energia, che stabilisce le tariffe. E’ stata una battaglia lunga e dura, ma alla fine abbiamo ottenuto i due bonus energia, il “bonus elettrico” e il “bonus gas”.
Questi benefici sono stati introdotti per bilanciare l’iniquità del sistema tariffario, che con gli scaglioni ha per anni penalizzato le famiglie numerose per avvantaggiare i single. Anche il tetto di 20.000 euro di ISEE per le famiglie con più di 3 figli è stato voluto fortemente da Anfn.
Oggi diciamo grazie di cuore ai nostri associati che, senza remunerazione e nell’ombra, hanno permesso di arrivare a questi risultati: sono Marco Dal Prà, Alessandro Soprana, Stefano Lipparini, Mario Sberna e Carlo Dionedi.

 

Dal 1° gennaio 2017 lo sconto per le famiglie in difficoltà arriva fino a 165 € (limite massimo di 153 € nel 2016)

L’Autorità per l’energia ha aumentato il bonus di sconto per la bolletta elettrica per le famiglie in stato di bisogno, portandolo ad un valore che va da 112 a 165 euro, a seconda della composizione del nucleo familiare. L’adeguamento, sottolinea una nota, è stato determinato in attuazione del decreto del Mise del 29 dicembre 2016 che, in base al D.Lgs. 102/14 e in coerenza con quanto proposto dall’Aeegsi con la segnalazione n. 287 del giugno 2015, ha rivisto la disciplina per l’erogazione dell’agevolazione.
Nel dettaglio, già dal 1° gennaio 2017 il bonus passa dal 20% calcolato sulla spesa netta al 30% di sconto sulla spesa media al lordo delle imposte. Lo sconto passa così a 112 euro per le famiglie di 1-2 componenti (nel 2016 era di 80 euro), a 137 euro per quelle di 3-4 componenti (da 93 euro) e a 165 euro per quelle oltre i 4 componenti (da 153 euro). La riduzione sulla spesa al netto delle tasse risulta mediamente del 32%.
La regolazione viene adeguata anche per quanto riguarda il livello Isee massimo per poter accedere all’agevolazione. Per le famiglie con meno di 4 figli a carico il decreto del 29 dicembre prevede infatti l’aggiornamento per il 2017 a 8.107,5 euro (fra il 2008 ed il 2016 è stato pari a 7.500 euro), estendendo così la platea dei potenziali beneficiari.
Sarà poi l’Autorità a doverlo aggiornare ogni 3 anni in base all’andamento dei prezzi al consumo. L’aumento del livello Isee è valido anche per l’accesso al Bonus gas, mentre per entrambi rimane immutata la soglia massima a 20.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico. Viene invece rimandata ad un successivo provvedimento che sarà approvato a breve l’attuazione di un altro aspetto, il superamento del requisito che la fornitura elettrica da agevolare sia quella per l’abitazione di residenza anagrafica, “come da tempo proposto dall’Autorità”, dice la nota. Il rinvio si è reso necessario per poter coordinare al meglio l’intervento anche con riferimento al settore gas e verificare la coerenza delle procedure informatiche. Resta invece immutato il requisito per il quale ciascun nucleo familiare ha diritto ad un solo bonus elettrico o gas per disagio economico, eventualmente cumulabile con il bonus elettrico per disagio fisico. Per effetto della nuova regola di calcolo delle compensazioni, “il bonus elettrico consente ai clienti residenti basso consumanti che ne hanno diritto di controbilanciare completamente anche gli eventuali effetti della riforma tariffaria per i clienti domestici”, conclude il comunicato.

da – Quotidiano Energia.it