• it
Una piccola buona notizia

Una piccola buona notizia

4 views
Condividi

Forse non tutti sanno che dal 2015 l’amministrazione Chiamparino ha introdotto un’agevolazione per le famiglie con più di tre figli sulla addizionale IRPEF Regionale (http://www.regione.piemonte.it/tributi/addizRegIrpef.htm), che tra l’altro ha subìto un notevole aumento dai 28.000 Euro in su di reddito: in particolare le procedure per la compilazione del modello 730 in quasi nessun caso la considerano, pertanto è opportuno ricordarlo ai CAF o  chi compila la dichiarazione dei redditi.

L’agevolazione si applica secondo le regole stabilite dall’art.12 del Testo Unico Imposte sui redditi (TUIR), utilizzato per detrazioni analoghe sulle imposte nazionali, e parte da un massimo di 100 euro a figlio naturale affidato o adottato (250 per figlio disabile).

In sostanza è il rapporto tra il reddito complessivo imponibile (senza considerare carichi familiari) e 95.000 + 15.000 per ogni figlio fiscalmente a carico successivo al primo.

In teoria chi ne usufruirebbe totalmente è chi non ha reddito, ma in effetti non paga nemmeno imposta; per tutti gli altri la detrazione diminuisce con l’aumentare del reddito familiare.

In sostanza fino a circa 25.000 Euro di reddito l’addizionale, per chi ha 4 figli a carico, viene totalmente annullata, mentre a partire da un reddito complessivo di circa 53.000, sempre per chi ha 4 figli, è superiore al 2014.

Sicuramente è apprezzabile l’impegno ad agevolare le famiglie con più figli e a basso reddito; la platea è molto ristretta perché le famiglie con almeno 4 figli sono lo 0,3% del totale, pertanto il mancato introito per le casse regionali non sarà così importante. Auspichiamo di conseguenza maggiore incisività nelle politiche a favore delle famiglie, per evitare che chi a oggi pur a fatica riesce a sostenere  una situazione comunque difficile non si trovi in cattive acque nell’immediato futuro.

Il Piemonte è una delle regioni in cui la denatalità è più evidente, correre ai ripari non è solo una questione di giustizia ed equità nei confronti delle famiglie ma un vero investimento sul futuro.