• it
Pasqua 2018

Pasqua 2018

9
Condividi
Carissime famiglie tutte, buio, ombre e luci sono ovunque e sono le nostre realtà quotidiane. In questi giorni possiamo fermarci e lasciarci riempire da ciò che significano questi giorni, questa festa.
Per chi non crede ma si guarda attorno la luce si espande, la vita si risveglia, il grano – dopo il sonno dell’inverno nel buio e nel freddo della terra – ora cresce rapidamente e si appresta a darci i suoi frutti; i fiori tornano a colorare i nostri giardini e le gemme degli alberi le nostre strade. Due giorni fermi dal lavoro e dalla scuola e dai mille impegni della vita di famiglia: accogliamo con gioia il risveglio di una nuova primavera soprattutto nelle nostre relazioni in famiglia, e negli ambienti che frequentiamo.
Per chi crede tutte queste cose racchiudono una realtà più profonda: proviamo per un istante a chiudere gli occhi e sprofondare nel silenzio di parole e sentimenti. L’evento decisivo della storia si consumava nel chiuso di un sepolcro, riflesso della nostra vita, delle nostre morti quotidiane, della nostra incapacità di accogliere e amare l’altro: vita che ci è stata donata per essere un giardino ma spesso vissuta come un deserto. Nessuno sapeva cosa stava accadendo dentro quella pietra duemila anni fa, come forse oggi nessuno di noi sa quale mistero si stia compiendosi in noi, nella nostra vita,  ma in quel sepolcro si giocava la felicità eterna per ciascuno di noi.

Il nostro augurio: che possiate e che possiamo entrare in questo mistero di amore e di felicità eterna.

Buona Pasqua.

Raffaella e Giuseppe