• it
Il FORUM all’Europa: no al diritto d’aborto

Il FORUM all’Europa: no al diritto d’aborto

11 views
Condividi

Lettera aperta del presidente del Forum Francesco Belletti e del Vicepresidente Giuseppe Barbaro al Segretario Generale del Consiglio d’Europa per esprimere il totale dissenso delle 50 associazioni raccolte nel forum (tra cui ANFN) sulla proposta avanzata in occasione dei 15 anni della Conferenza Internazionale sulla Popolazione e sullo Sviluppo, che, con atteggiamento assolutamente antistorico, si ispira alle vecchie teorie malthussiane (combattere la povertà diminendo la popolazione) per propugnare il diritto all’aborto.

Gentilissimo Segretario Generale,
il Forum delle Associazioni familiari intende esprimere il totale disaccordo circa la proposta elaborata in merito a “quindici anni dalla Conferenza Internazionale sulla Popolazione e lo Sviluppo” (documento 11992 del 05-08-09), a cura di Ms. McCAFFERTY.

Il nostro disaccordo e le nostre preoccupazioni nascono dalle seguenti considerazioni:

La filosofia soggiacente al documento è neo-malthusiana (§ 33-37), per cui la lotta alla povertà si realizza eliminando le bocche da sfamare. La fecondità umana e la crescita della popolazione sono “una minaccia alla salute umana, lo sviluppo sociale e economico, l’ambiente” (§ 33).
• Il documento presentato è poi orientato a:
– finanziare ONG per la pianificazione della natalità (§ 54).
– promuove l’aborto (“nuovi mezzi” di controllo delle nascite):
i) la sua legalizzazione comunque attraverso:
• la promozione – dovuta dagli Stati – del concetto di “diritti riproduttivi”,
• l’offerta di garanzia che l’aborto sia realizzato in modo sicuro, necessitando gli stati membri a legiferare in merito (diritto ad avere un aborto sicuro).
ii) come diritto riproduttivo, in generale
iii) come strumento di controllo delle nascite:
• nel senso della singola pianificazione familiare (§ 26)
• nel senso di controllo della crescita della popolazione (aborto sicuro e “contraccezione di emergenza”), cfr. sommario iniziale.
iv) tramite finanziamenti pubblici (§ 20 e altri)
– introduce e riproduce sistematicamente e programmaticamente i termini chiave di “diritti sessuali e riproduttivi” dell’IPPF.
– Vuole obbligare gli Stati membri (§ 16) ad intraprendere azioni per i “diritti riproduttivi”.

• Intercetta e tende a modificare allargandola – entrando nell’ordinamento giuridico riservato ad uno stato membro (l’Italia) – la Legge 40/2004, a proposito della disponibilità per chiunque di accedere alle tecniche di cura dell’infertilità (§41).

• Dedica più paragrafi alla “non discriminazione di genere”.

• Espropria la famiglia di qualsiasi ruolo educativo in campo sessuale e riproduttivo,
attribuendolo alla scolarizzazione e ai servizi pubblici.

• Contraddice, pianificando il controllo della popolazione, gli obiettivi di ripresa della
fecondità in Europa.

Per tutti i sopra esposti motivi il Forum delle Associazioni familiari, che rappresenta una alleanza di oltre 50 Associazioni ed è presente in tutta Italia, esprime un esplicito rifiuto della risoluzione 11992 e sollecita tutti i delegati parlamentari nella PACE a votare contro tale risoluzione.
Cordiali saluti.

Francesco Belletti

Presidente

Giuseppe Barbaro

Vicepresidente
delegato per le questioni europee
FORUM delle
ASSOCIAZIONI
FAMILIARI

Ms. Maud de Boer-Buquicchio
Acting Secretary General of the Council of Europe
Avenue de l’Europe

e, p.c.
Ai Parlamentari italiani nella PACE

Roma 26 ottobre 2009
Prot. 1218/09