• it
Famiglie numerose: storie di vita in un libro

Famiglie numerose: storie di vita in un libro

417
Condividi

«La famiglia è protagonista dell’annuncio».
Ricordando le parole dell’arcivescovo di Milano Tettamanzi sull’importanza della famiglia, il giornalista Giuseppe Zois ha aperto giovedì sera il secondo appuntamento del ciclo «Incontri con l’autore» organizzata dalla libreria Buona Stampa alle Grazie.
Molti i presenti in sala per questo appuntamento dedicato alla presentazione di «Tutti vostri?», un libro (Edizioni Messaggero Padova in vendita a 12 euro) scritto dalla bergamasca Regina Florio, coordinatrice con il marito Fabrizio Maroncelli dell’Associazione famiglie numerose di Bergamo e mamma di quattro figli, e dal bresciano Mario Sberna, presidente nazionale dell’associazione (Anfn), nonché papà di cinque figli, tre naturali, uno adottato e uno in affido. «Doveva essere un istant book da consegnare al Papa durante la visita del 2005 – ha spiegato Regina Florio – e invece è diventato un libro vero e proprio che ha già venduto 4 mila copie».
«Un libro nato soprattutto per raccontarci come famiglie numerose che ormai – ha scherzato la Florio – sono quasi come un animale in via di estinzione». L’Associazione famiglie numerose ha come suo obiettivo principale il diffondere una cultura positiva verso la vita e i bambini. Con la loro stessa esistenza infatti le famiglie che hanno aderito all’associazione, di cui 100 nella nostra provincia, testimoniamo che avere tanti figli e vivere normalmente è possibile ed è importante per tutta la società. «I figli – ha confermato Carlo Casini, eurodeputato e presidente del Movimento per la Vita Italiano – garantiscono un filo di speranza che dà senso alle fatiche della nostra vita e alla storia stessa». Casini ha poi richiamato il valore della vita sottolineando che «per quanto riguarda la cultura della vita in Europa la situazione è forse peggio che in Italia e che comunque bisogna recuperare il senso del mistero che ci avvolge. Mistero che ci deve far sperare e sul quale vale la pena di scommettere». Tra i presenti in sala anche il vicesindaco Ebe Sorti Ravasio e l’assessore provinciale alle Politiche sociali Bianco Speranza. «È giusto che le istituzioni si facciano carico delle vostre richieste. Come Provincia abbiamo già messo in atto alcune iniziative per sostenere le famiglie numerose. Appena possibile – ha promesso Speranza – cercheremo di mettere dei soldi anche sull’acquisto dei libri di scuola. Una spesa particolarmente sentita».

Tiziana Sallese, Eco di Bergamo