• it
Appello del presidente ANFN: mantenete unite le famiglie rom

Appello del presidente ANFN: mantenete unite le famiglie rom

416
Condividi

Viviamo quotidianamente l’impegno di porre in luce le gioie e le speranze, le tristezze e le difficoltà delle famiglie, con particolare riguardo a quelle numerose, ovunque esse siano in Italia e dovunque provengano. Per questo ci sentiamo vicini alle famiglie Rom dei campi sgomberati a Roma nelle settimane a ridosso della Santa Pasqua e ci uniamo alla Comunità di S. Egidio nel chiedere alle Istituzioni – in particolare all’Assessore del Comune di Roma alle Politiche sociali Gianluigi De Paolo, nostro associato – di operare affinché i bambini Rom possano continuare a vivere coi loro genitori, mamma e papà, insieme. Riteniamo sia possibile e doveroso trovare soluzioni rispettose dell’unità familiare, senza dividere come si sta facendo ora mogli e bambini in una struttura e mariti in un’altra, come denuncia la Comunità di S. Egidio.

Nella nostra esperienza associativa sappiamo bene che le necessità delle famiglie con molti componenti, non soltanto bambini, ma anche anziani o parenti disabili, sono molteplici e differenziate e che spesso i contributi delle Amministrazioni pubbliche, locali o nazionali, non sono sufficienti. A maggior ragione possiamo affermare che nessun sostegno sarebbe mai sufficiente se le famiglie venissero smembrate.

La considerazione del valore dell’unità familiare che le famiglie Rom esprimono, è la medesima considerazione che ANFN ha sul valore della famiglia unita, sull’indissolubilità dell’unione coniugale, sulla necessità che un bambino abbia – insieme – un papà e una mamma. Non due mamme o due zie ma un papà e una mamma. Sono gli stessi valori che la Giunta della Capitale ha più volte sostenuto e sottoscritto. Ci aspettiamo che vengano rispettati, anche nei confronti di quelle famiglie che possono essere considerate reiette, inutili, fastidiose. Ce lo aspettiamo e lo chiediamo con forza, perché sulla famiglia non intendiamo arretrare di un solo millimetro, ovunque essa sia e dovunque provenga.

Mario e Egle Sberna, presidente.