• it
Alice e Filippo Civettini famiglia delegata per l’Alto Garda e Ledro

Alice e Filippo Civettini famiglia delegata per l’Alto Garda e Ledro

388 views
Condividi

Noi siamo Alice Vettore Carraro e Filippo Civettini, sposati dal 2003 e con otto figli: Alfonso, Camilla, Emiliano, Saverio, Clelia, Ludovico, Valerio ed Adele.

Il nostro primo incontro è avvenuto un po’ per caso (ma probabilmente non era proprio il caso a guidarci…) ma si può dire che da allora non ci siamo più lasciati, nonostante l’iniziale lontananza geografica (Padova e Riva del Garda), poi superata con il trasferimento di Alice.
Le nostre carriere lavorative sono ovviamente mutate per seguire le esigenze e dare più spazio alla famiglia in crescita: Filippo dopo la laurea lavorava come educatore ambientale ed ora è impiegato nella pubblica amministrazione, Alice lavorava nell’organizzazione di fiere ed eventi ed ora si occupa e tempo pieno di organizzare … la vita della famiglia!

Fin dall’inizio della nostra vita insieme non abbiamo mai posto traguardi o numeri, non abbiamo mai stabilito a tavolino di volere un numero esatto di figli, ma abbiamo iniziato la nostra avventura insieme con amore e fiducia reciproca. Il primo nato è stato Alfonso, per il quale ovviamente abbiamo scontato un po’ di inesperienza, poi Camilla, e poteva sembrare la coppia perfetta, un maschio e una femmina… Purtroppo al giorno d’oggi la parola famiglia poche volte si abbina all’aggettivo numerosa! Sicuramente manca un po’ di voglia di rischiare, di mettersi in gioco, di fare tanti sacrifici. La famiglia ovviamente ne richiede, ma in cambio dona tanto amore, gioia, tutte sensazioni che arricchiscono e danno un senso alla vita. Quindi dopo i primi due nati, sono arrivati tanti altri fratelli e sorelle, fino all’ultima arrivata Adele, giunta un po’ troppo di fretta (a sole 29 settimane), che ci ha fatto scoprire l’universo della prematurità.

Da alcuni anni siamo entrati a far parte delle famiglie numerose, soprattutto in ragione di contatti e conoscenze stretti online con altre famiglie. Così si è aperto un mondo diverso, dove poter riflettere e parlare di storie, di emozioni, di problemi, con famiglie che vivono una vita simile alla nostra. E dove l’unica preoccupazione non è “ma quanti figli farete ancora” o “ma quando vi fermate?”. E’ stato un modo per condividere fede, esperienze, sensazioni.

Ora qualche mese fa ci è arrivata da Federica e Massimo, coordinatori provinciali, la proposta se volessimo diventare famiglia delegata per il nostro territorio ed abbiamo accolto con gioia ed emozione questa opportunità. 

Speriamo di poter dare un valido contributo all’associazione ed a tutte le famiglie con le quali avremo il piacere di collaborare.