• it
ADOTTIAMO UNA FAMIGLIA DEL TERREMOTO

ADOTTIAMO UNA FAMIGLIA DEL TERREMOTO

511
Condividi

In questi giorni in cui il terremoto lo sentiamo davvero così vicino, abbiamo tutti pensato ai nostri conoscenti, alle famiglie, agli amici residenti nelle zone colpite, ci è venuto naturale chiamarle, sentire direttamente dalla loro voce cosa hanno provato, ci è venuto naturale chiedere loro di cosa hanno bisogno e cosa possiamo fare per loro, così nel giro di poche ore sono circolate telefonate, e-mail tra le famiglie dell’Associazione e già a sera vi era la disponibilità di appartamenti, roulotte, alloggi in luoghi di vacanza, tutto ciò gratuitamente.

Nella rete che si è attivata tra le famiglie numerose, circolano concrete proposte di solidarietà, di vicinanza, di comunione, è nata così la proposta di adottare famiglie che hanno subito danni alle cose.

Adottiamo una famiglia colpita dal terremoto, gemelliamoci con essa, per un proficuo scambio: ci sarà un “dare” ma il sorprendente, sarà il “ricevere”.

Se alcune famiglie possono prendersi cura di altre, se i comuni possono adottare i comuni colpiti dal sisma, se le parrocchie possono aiutare quelle danneggiate, se classi e scuole possono gemellarsi con altre delle zone del terremoto, le ditte e le imprese fra loro, i caseifici, le aziende agricole, le società sportive, ecc., tutti possiamo gemellarci con le persone colpite dal terremoto.

In questi giorni si parla molto delle eccellenze emiliane danneggiate dal terremoto: del Parmigiano Reggiano, del polo chirurgico, ma una delle eccellenze è proprio la solidarietà, che con questo sisma non è stata danneggiata ma si è fortificata.

Abbiamo raccolto l’invito che sabato sera a Milano, il Pontefice ha proposto: il gemelleggio non solo tra città ma anche tra parrocchie e «tra singole famiglie», per farsi carico degli effetti più pesanti della crisi, e aggiungiamoci pure del sisma, cercando un modo di «affrontarla insieme», è questo un modo concreto, vera solidarietà.

L’Associazione Nazionale Famiglie Numerose si è mobilitata per dare un concreto aiuto alle famiglie emiliane vittime del terremoto, qui potete trovare le indicazioni e gli indirizzi dove poter dare la propria generosa disponibilità.

Luigi Picchi
Coord. ANFN per Reggio e prov.