• it
sconti dal 10al 25% sull’acqua a Padova per f.n.

sconti dal 10al 25% sull’acqua a Padova per f.n.

18 views
Condividi

Venerdì 13 Febbraio 2009,
È in arrivo, per le famiglie padovane numerose uno sconto sulle bollette dell’acqua e su quelle relative alle fognature e al sistema di depurazione. A partire dal 2009 l’Aato (Autorità d’Ambito Territoriale Ottimale) Bacchiglione, introduce per la prima volta un’agevolazione tariffaria per i nuclei di sei o più persone. Che fin’ora, a dir il vero, sono stati piuttosto penalizzati e hanno dovuto pagare l’acqua più cara del normale. Dai loro rubinetti, dato che sono in tanti, esce una massa d’acqua ovviamente superiore a quella relativa a una famiglia tipo, ma per la quantità eccedente in passato sono state loro applicate ingiustamente tariffe più alte, “antispreco”. L’agevolazione consentirà finalmente di correggere la distorsione e di contenere la bolletta per un valore compreso tra il 10 per cento per famiglie di 6 congiunti, fino al 25 per cento per nuclei di 9 o più. A beneficiare degli “sconti” saranno tra Padova e provincia circa 3000 famiglie (sono 5900 in tutto il territorio che fa capo all’Aato Bacchiglione che comprende il Padovano e il Vicentino). «Ciascuna famiglia – ha spiegato ieri presentando il piano delle agevolazioni , Paolo Rocca, direttore di Aato Bacchiglione – potrà risparmiare così una somma compresa tra i 40 e i 200 euro all’anno». Non poco in tempi di forte crisi economica come quello che stiamo attraversando. Attenzione: l’agevolazione non è automatica, ma sarà concessa ai nuclei numerosi dietro presentazione di domanda che il titolare del contratto di fornitura deve inoltrare, accompagnata da una copia dello stato di famiglia, agli uffici commerciali del proprio gestore. In provincia di Padova sono AcegasAps o Cvs spa. Automatica ed estesa a tutti i clienti domestici sarà invece la dilazione del pagamento pari al 4 per cento di ciascuna bolletta emessa nell’esercizio 2009. Si sa che le tariffe sono aumentate: AcegasAps ad esempio ha previsto già dal 2006 – 2007 un incremento medio dei prezzi del 9,4 %; Cvs del 6,18 %. «Ma, dato il periodo di crisi – ha spiegato Stefano Gambetto responsabile del Controllo Gestori – l’Aato, con fondi derivanti dal proprio bilancio e previa adesione degli enti gestori, si fa carico di anticipare il 4 per cento della bolletta. La cifra anticipata sarà restituita da ciascun cliente al gestore in quattro rate (di cui la prima a carico di Aato) a partire dalla seconda metà del 2010 in due anni senza aggravio di interessi». In questo modo una famiglia padovana-tipo di tre persone con consumi annui di circa 200 metri cubi d’acqua nel 2009 potrà avere un risparmio in bolletta compreso tra gli 11 e i 16 euro annui.

http://carta.ilgazzettino.it/LeggiGiornale.php?
Daniela Borgato
Il gazzettino