• it
Sano e corretto stile di vita in emergenza Covid 19

Sano e corretto stile di vita in emergenza Covid 19

247 views
Condividi

Sicuramente il fatto di stare chiusi in un ambito ristretto limita la nostra libertà di azione
e movimento. A mio giudizio, non dobbiamo limitarci a vivere questa situazione di isolamento e reclusione passivamente ma dobbiamo sfruttare questa emergenza cogliendola come un’opportunità e chiedendoci cosa possiamo fare per migliorare noi stessi e la qualità della vita.

Da queste considerazioni è nata l’idea di una ricerca finalizzata a raccogliere informazioni sullo stile di vita, le abitudini alimentari e l’esercizio fisico e sulle modifiche che hanno subito da quando l’emergenza COVID-19 ha obbligato gli italiani a stare a casa.

Ringrazio l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose che sta sostenendo il mio lavoro propedeutico alla tesi sperimentale per conseguire la laurea Magistrale in Scienze dell’esercizio fisico per il benessere e la salute. E approfitto del sito associativo per dare un anticipo di quelle che sono alcuni risultati, già emersi.

Dal 20 marzo, data in cui ho iniziato a diffondere il questionario ad oggi sono arrivato a sfiorare quota 2500 risposte provenienti da tutta Italia, e qui il contributo degli associatici Anfn è stato determinante, con un campione abbastanza omogeneo riguardo l’età.  Sono molto contento del risultato raggiunto sinora e ho ricevuto diversi complimenti e feedback positivi da colleghi, professori e figure di rilievo del panorama delle scienze motorie e ciò mi rende naturalmente soddisfatto ed orgoglioso.

 

Gli ambiti principali della mia indagine sono stati due il primo riguarda le abitudini alimentari e il secondo l’esercizio fisico.
A proposito di quest’ultimo prima dell’emergenza COVID-19 il 70% di coloro che hanno risposto al questionario praticava attività sportiva, mentre attualmente il 58% dichiara di continuare ad allenarsi,che comunque non è un dato del tutto negativo, considerando le difficoltà riscontrate da molti di cambiare luogo e modalità di allenamento.

 

Dalle risposte giunte sino a oggi è emerso che le abitudini alimentari e lo stile di vita sono cambiati, a tale proposito ho riscontrato note positive come la forte diminuzione di consumo di alcolici e sigarette e l’aumento di verdure e frutta. Non mancano riscontri negativi quali l’aumento di consumo di dolci e la diminuzione di pesce.

Questa tendenza, unita, all’incremento di pasta e pane, se perdura l’emergenza, potrebbe comportare danni alla salute, per questo è fondamentale mantenersi attivi fisicamente, con un occhio attento alla bilancia.

Per mantenere un corretto stile di vita, in questa situazione, la cosa principale che possiamo fare è allenarci, perchè se il corpo è attivo la mente lavora meglio ed è concentrata sul proprio benessere. Non ci sono scuse perché ormai online troviamo video per tutte le esigenze che stimolano e guidano l’allenamento casalingo.
Io stesso ho trasmesso delle dirette, che è possibile visionare dalla pagina Facebook del Circolo Tennis Barletta gratuiti ed accessibili a tutti, per incoraggiare a mantenersi in forma, senza farsi prendere dalla pigrizia.

Ritengo che agire sulla motivazione sia molto importante, ecco perché ho pensato che il questionario potesse essere uno strumento non solo per sondare statisticamente le abitudini degli italiani in questo periodo difficile, ma soprattutto per spingerli a riflettere sul tema del benessere psico-fisico che, mai come in questo momento, va curato.Infatti, alcune domande del questionario, sono atte a sensibilizzare in maniera indiretta la persona cercando di motivarla, qualora ce ne sia il bisogno, a stare attento all’alimentazione e a fare esercizio fisico anche in casa, migliorando, nel complesso, il proprio stato di salute.

Infatti dalle risposte finora pervenute emerge chiara la volontà di prendersi cura di se stessi e di reagire alla pandemia in corso.

1= per niente 2 = poco 3 = sufficiente 4 = abbastanza 5 = molto

 

Io personalmente sto vivendo questo momento pienamente, perché ritengo che Il tempo che abbiamo a disposizione oggi è una risorsa che non va sprecata.

Grazie ancora e invito, chi non l’avesse ancora fatto, a compilare il questionario

Ps: ho inserito alla fine del questionario la possibilità di inserire la propria mail, per ricevere, quando elaborerò i dati, un estratto della tesi.

Nicola Criscuoli