• it
Regione Veneto – Compilazione Bonus Famiglie Numerose

Regione Veneto – Compilazione Bonus Famiglie Numerose

326 views
Condividi

Nuovo BONUS della  Regione Veneto per famiglie

Si tratta di un supporto economico straordinario, una tantum, che viene erogato dalla Regione Veneto, tramite il Comune di residenza, alle famiglie con un numero di figli pari o superiore a 4 o con parti trigemellari.
Il bonus famiglia rientra nel Programma di interventi economici straordinari a sostegno delle famiglie con parti trigemellari e con numero di figli pari o superiore a 4 definito con DGR n. 1250 01/08/2016.

Le domande si presentano tramite procedura on line dal 3 ottobre al 15 novembre 2016 sul portale sociale della Regione Veneto.

La compilazione del modulo di richiesta con procedura online viene effettuata presso gli  uffici CAF-UIL della provincia di Vicenza

Chi può fare domanda

Il bonus famiglia può essere richiesto da persone fisiche, iscritte all’anagrafe tributaria ed aventi il domicilio fiscale in Italia.
In particolare può essere richiesto da uno dei due genitori purché in possesso, al momento della presentazione della domanda al Comune di residenza, dei seguenti requisiti:

  • essere cittadino italiano o cittadino di uno Stato appartenente all’Unione Europea o rifugiato politico, oppure qualora cittadino extracomunitario, essere in possesso del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o di un permesso di soggiorno della durata non inferiore ad un anno. I componenti del nucleo familiare (coniuge e figli) devono essere in regola con le norme che disciplinano il soggiorno in Italia;
  • essere residente nel Comune dove si presenta la domanda del “bonus”
  • avere un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 25.000 euro,  in corso di validità, calcolato ai sensi della normativa vigente (DPCM del 5/12/2013 n. 159);
  • avere un nucleo familiare con un numero di figli pari o superiore a 4 o con parti trigemellari (in entrambe le situazioni i figli, conviventi o non, devono essere di età inferiore o uguale a 26 (27 anni non compiuti) e a carico Irpef).————————————————————

    Vi giro la comunicazione del CAF UIL dove io mi appoggio poi ognuno è libero. Io non sono più coordinatore ma le comunicazioni più importanti ve le giro sempre.
    Se c’è qualcuno disponibile ad un incontro in ottobre per trovare una soluzione per il ruolo vacante mi puo’ mandare la disponibilità via email e poi vi comunico la serata e il luogo dove ci incontriamo.

    Franco Grotto