• it
Presentazione della “Carta famiglia” Intervento del presidente Butturini

Presentazione della “Carta famiglia” Intervento del presidente Butturini

10 views
Condividi

Intervento in Sala Stampa a Montecitorio del nostro presidente Giuseppe Butturini

Il nostro paese sembra pensato contro la famiglia: Il fisco non la sostiene, se non la penalizza; per il mondo del lavoro una mamma in attesa è un inciampo; servizi concepiti a favore dei singoli individui. La famiglia ha bisogno di un cambio di rotta: i comuni si stanno muovendo, deve muoversi anche la politica nazionale, riprendendo in mano il “Piano della famiglia”, con il coraggio di inserirvi la politica fiscale.

  • La famiglie non possono più aspettare. Dati dall’Istat 2014 e 2015.
    a) L’indice di povertà delle famiglie con 3 figli e più minori dal 2006 al 2014 è triplicato: dal 6% al 18,6%.
    b) La lotta alla povertà dal 1997 al 2014 è stata a favore degli anziani – è un bene – passando dal 16,4 % al 9,3%, mentre è stata assente per le famiglie e quindi per i giovani che da 0 a 34 anni hanno visto aumentare l’indice di povertà: dal 8,9% al 14,3%.
    c) Le famiglie con tre e più figli sono l’8% del totale, ma sono un terzo del totale dei figli minori in Italia.
  • Signor Ministro. La sua intervista su ‘Libero’ può essere una svolta. E’ a servizio della realtà, del paese. Certo le idee ci vogliono, ma se non sono a servizio della realtà diventano solo potere. Nella realtà del paese ci sono le famiglie, ci sono i figli, ormai indispensabili nell’attuale glaciazione demografica. Lei lo ha detto: “la famiglia è la spina dorsale del paese; merita una politica organica”. “La via maestra è la defiscalizzazione: chi ha figli non può subire lo stesso trattamento di chi figli non ne ha”.
  • La carta famiglia è un buon segno, perché passa dall’assistenza alla promozione. Un esempio: la famiglia numerosa viaggia in auto, perché il treno non conviene, se ci fossero sconti, come in Francia, tutti ci guadagnerebbero. Si! è necessario coinvolgere anche altri.. e Lei – come ha detto – è senza portafoglio, cercherà di spendere i soldi degli altri ministeri.
  • La carta famiglia è un po’ un contenitore vuoto; tutto dipenderà dai contenuti e soprattutto dalle persone che vi entreranno. Tra esse ci permettiamo di suggerirLe un persona che con passione illuminata ha portato avanti la carta Famiglia: l’on. Mario Sberna, fondatore dell’ANFN. Lei sa che l’articolo 31 della Costituzione ha un ‘riguardo particolare” per le famiglie numerose.
  • Signor ministro. Lei è all’inizio del lavoro. La famiglia, i figli attendono e il nostro augurio è schietto. Per quanto ha detto, vorremmo già dirle grazie. Le saremo vicini. Sarebbe bello se per ogni legge che riguarda la famiglia ci fosse un tavolo ufficiale nel quale si dicesse se quel disegno fa bene alla famiglia o no. La battaglia non sarà facile. Lei lo sa. Coraggio. Il sentire moderno di una società non va letto nello schema “reazionario-progressista”, ma all’interno di una ‘modernità diversa’, nella quale la società sta bene se la famiglia sta bene.