• it
Orientare al buon cinema

Orientare al buon cinema

46
Condividi

Tra tanti film in continua uscita, spesso diventa difficile scegliere una pellicola di qualità o quella più adatta alle nostre esigenze. A volte, basta un bel trailer a trarci in inganno e a spingerci al botteghino con chissà quali aspettative. Altre volte invece è sufficiente una locandina o il cast degli attori a guidarci nella scelta. Il risultato è che spesso usciamo dalla sala delusi e con l’amaro in bocca.

In questi casi – soprattutto se si è genitori e con dei bambini – è bene imparare ad orientarsi al buon cinema, attraverso siti di recensione cinematografica o guide specialistiche. Spenderemo molto meglio i nostri soldi evitando anche inutili perdite di tempo. Esistono tante guide di qualità e per tutti i livelli.

In lingua spagnola, segnaliamo ad esempio:

Fila siete: è proprio un portale per innamorati del cinema, adatto in particolare a critici professionisti e studiosi della materia. Oltre alle recensioni sugli ultimi film e alle news dal mondo del cinema, offre anche un incredibile materiale di archivio. L’orientamento morale, sebbene presente, non è il principale obiettivo del portale, che mira più che altro a diffondere e a promuovere una cultura cinematografica. Sicuramente un sito di grande qualità, molto attento in particolare al linguaggio e all’approfondimento critico. E’ gratuito.

De Cine: è un portale che offre belle recensioni, anche dal punto di vista educativo e formativo. E’ ideale per gli utenti giovani, grazie anche a una grafica impattante e intuitiva. E’ molto valido per gli spettatori che cercano consigli e suggerimenti veloci. Ogni film infatti offre una lista di suggerimenti che toglie incertezze o dubbi, del tipo: “per farsi delle risate”, “per sciogliere adrenalina”, “per famiglie e bambini”, “grandi classici”. E’ gratuito.

In lingua inglese invece segnaliamo:

Screenit: è un sito perfetto per i genitori che cercano un orientamento prevalentemente di tipo morale. Le recensioni offerte infatti sono ricche di dettagli sulla qualità etica piuttosto che su quella artistica del film. Forse può apparire grottesco per chi è abituato a giudicare una pellicola secondo altri parametri e bisogni; tuttavia, per le famiglie che cercano una critica scrupolosa sui buoni costumi e su cosa è adatto o meno ai minori è un vero e proprio valore aggiunto, difficilmente trovabile in altri siti. La grafica non è il massimo dell’attrattività; è scarna ma tuttavia efficace per chi cerca la sostanza e non gli effetti. A pagamento.

Metacritic: la caratteristica principale di questo sito è la multidisciplinarietà. Offre infatti recensioni non solo sul cinema, ma anche su film e serie tv, musica e videogiochi. Per ogni prodotto, il portale fornisce una valutazione generale sotto forma di punteggio numerico, ottenuto dalla media di tutte le recensioni pervenute. Tali recensioni – questo è l’aspetto più interessante – sono sia di autorevoli critici cinematografici (ad esempio del Times o del New York Post), ma anche di normali utenti registrati alla community del sito. In questo modo il giudizio finale è una perfetta sintesi del giudizio e della sensibilità sia della critica di professione sia di quella del comune spettatore. E’ gratuito.

In lingua italiana invece consigliamo:

Familycinema.tv: è un portale che dedica grande attenzione alla valorizzazione di film positivi, realizzati per veicolare valori importanti al pubblico. Esprime un giudizio sul film sia dal punto di vista tecnico e artistico, sia da quello etico, attraverso una critica sui valori (o disvalori) della pellicola. In questo modo lo spettatore può farsi un’idea ben precisa del film, capire a che tipo di visione va incontro e comprendere anche il messaggio di fondo che il regista ci vuole trasmettere. Oltre alle ultime uscite in sala, ci sono sezioni speciali dedicate ai grandi classici del cinema, all’home video e alle serie tv. E’ gratuito.

Cinemainfamiglia: è un sito indirizzato a un pubblico prevalentemente di famiglie, in cerca di un primo orientamento di massima. Il portale offre recensioni accurate dei film presenti in sala, oltre ad un archivio di quasi novecento pellicole. Ogni film è corredato da una breve scheda di commento, una votazione in decimi, possibilità di vedere il trailer e un dettaglio grafico (in asterischi, da 0 a 4) di situazioni che potrebbero rendere problematica la visione o imbarazzante la serata (violenza, tensione, sesso, temi da adulti) con un indicazione finale anche sull’età del pubblico a cui si consiglia la visione. E’ presente anche una interessante sezione sui libri di critica cinematografica. Unica pecca è l’aggiornamento. Non è molto forte sulla recensione degli ultimi film in uscita, mentre risulta ideale per un orientamento sui grandi classici. E’ gratuito.

Scegliere un film: si tratta di una guida cartacea e non di un sito internet. E’ pubblicato dalle edizioni San Paolo e disponibile nelle migliori librerie ma anche acquistabile on line. L’edizione è curata da Armando Fumagalli, ordinario di Semiotica presso l’Università del Sacro Cuore di Milano e viene aggiornata ogni anno. E’ un progetto avviato nel 2004 e che prosegue ogni anno con regolarità. Nasce con la semplice idea di offrire un orientamento agli amanti del cinema, con una lettura critica in ottica cristiana. Ogni anno si raccolgono le recensioni di un vasto numero di film, usciti nel corso della stagione. Non tutti ovviamente, ma solo quelle più significativi, belli e meritevoli. Il giudizio sulla pellicola viene espresso in stelline, da una a cinque; molto utile per chi ha poco tempo per leggere e vuole andare subito al punto. Il voto è frutto di un giudizio complessivo che tiene conto sia delle qualità artistiche ma anche morali del film. In questa ultima edizione del 2017 potete trovare le recensioni dei film Rogue One: A Star Wars Story, La verità negata, La La Land e Oceania.

E’ una guida senza dubbio ideale per chi vuole approfondire e orientarsi sui film di qualità dell’ultima stagione. Un resoconto online di questa guida è possibile averla sul sito familycinema.tv.

Fonte: Family and Media