• it
La Provincia di Trento investe su giovani, natalità e famiglie: ecco la...

La Provincia di Trento investe su giovani, natalità e famiglie: ecco la dote finanziaria

166 views
Condividi

Di seguito il testo dell’articolo pubblicato oggi su Il Trentino, a commento di questa iniziativa, dando la parola ai nostri coordinatori provinciali Federica e Massimo Sebastiani.

Al centro della polemica oggi il bonus da 5 mila Euro alla nascita di ciascun figlio per le famiglie con due o più figli.
A parlarne sottolineandone l’importanza Massimo Sebastiani, che assieme alla moglie Federica Betta, sono i coordinatori di Associazione Nazionale Famiglie Numerose per il Trentino. “Questo tipo di strumento è stato presentato da noi alla giunta Fugatti nel 2019 durante il “Festival della Famiglia” spiega. Durante il 2021 continuano come associazione
a sollecitare la giunta affinché applichino le promesse fatte in quella sede. Arriviamo quindi all’attuazione di questa best pratice che va ad avere effetti sulla comunità: “Ne beneficia la collettività. E credo che per la prima volta sia un investimento sulla natalità” sottolinea Massimo Sebastiani. Per la prima volta in Italia c’è una politica che investe su chi si prende l’onere di fare figli. “La famiglia non è più un qualcosa solo da sostenere ma è una risorsa sulla quale investire”, questo il concetto alla base della misura ed è una questione culturale. Il problema demografico è oggettivo, siamo passati da 1,6 a figli per famiglia a 1,36 “e nessuno si era mai posto il problema di investire su chi fa figli”.
Si tratta di pensare al futuro, al domani e per farlo sottolinea, ancora Massimo, “uno dei nostri principi associativi è quello di promuovere la famiglia come risorsa per la società”.

Non si dimentica di essere realista e mette l’accento sul bisogno di accompagnare la famiglia durante il percorso di crescita permettendole di vivere in uno stato di  benessere affinché la possibilità di far crescere i propri figli in un contesto di agio diventi reale. Affianco ad una visione della famiglia come risorsa si sente la necessità di parlare di altri valori necessari, come il tempo. “Bisogna puntare anche sulla quantità generazioni future, quindi più bambini, ma anche sulla qualità della società del futuro. Non si discute il fatto che la famiglia è il luogo dove i bambini imparano a vivere e stare in società”. Qua si incontra il problema del tempo, dove le famiglie oggi fanno molta difficoltà a gestire la vita lavorativa e avere tempo durante la giornata da dedicare ai figli. Si parla del contesto economico nel quale siamo inseriti, i contratti nazionali, i part time che sono una chimera con orari non compatibili con quelli dei bambini.

Ad ogni modo con questo provvedimento “Siamo di fronte ad una svolta culturale: la famiglia e la nascita sono beni preziosi per la società. E l’essere passati da contributi di 250€ a contributi di migliaia di euro è la dimostrazione”. Si ipotizza e si spera in un futuro cambiamento demografico.

Il lavoro dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose “non è solo una sensibilizzazione politica ma è anche l’impegno di tante persone che credono, diciamo così, in un Trentino un po’ più giovane”, conclude Massimo Sebastiani.

Maggiori dettagli su questo provvedimento sul sito della Provincia autonoma di Trento:
La Provincia investe su giovani, natalità e famiglie: ecco la dote finanziaria