• it
La famiglia Belli si racconta

La famiglia Belli si racconta

253 views
Condividi

Oggi incontriamo la famiglia Belli, Ines ed Enrico, insieme da 31 anni. Anche la loro storia si incrocia con l’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e vi chiediamo di raccontarci un po’ come è successo.

Come siete diventati famiglia numerosa?

Eh, un segreto! Intanto ci siamo sposati nel 1996. Poi è nata Elena, poi è nato Luigi, poi è nata Caterina. Quando è nata Beatrice abbiamo capito di non essere normali e che ci serviva un’auto da 6 posti. Abbiamo comprato una Toyota da 7 posti pensando che un posto sarebbe avanzato per le valigie. Poi è nato Tommaso e abbiamo lasciato le valigie agli amici. Così si diventa famiglia numerosa: con molti amici intorno che ti portano i bagagli.

Come e quando avete conosciuto Anfn?

Simone, un collega di Enrico, che era un figlio avanti, era già associato e spesso gli diceva “se ti nasce un altro figlio puoi associarti alle Famiglie Numerose”. Così abbiamo fatto.
Ci siamo iscritti, abbiamo cominciato a ricevere le email e a leggerle. Una di queste chiedeva disponibilità per fare i coordinatori. Quella volta abbiamo risposto più per dare un segnale che per convinzione ma, come unici candidati, abbiamo subito “conquistato” il posto di Coordinatori per Treviso.

Cosa pensate di questa associazione?

È una bellissima invenzione; è un luogo ricco di famiglie come la nostra, con una grande apertura, una grande speranza che non sembrano oppresse dal numero di figli. Anzi, abbiamo notato che più sono i figli maggiore è la speranza che diffondono. Ci pare che figli e speranza vadano avanti di pari passo.

Figli e speranza vanno avanti di pari passo, ci piace questa frase e dice già molto sul tipo di messaggio che le famiglie numerose possono dare alla società.
Cosa ha rappresentato questa associazione per voi?

È un modello di associazione che rispetta e accoglie le differenze: le famiglie associate sono di diversa cultura, alcune credenti, altre no, alcune coppie unite dal matrimonio, altre solo conviventi. Anche tra le famiglie credenti vi sono appartenenze a diversi carismi nella Chiesa. Tutto questo è una ricchezza, come lo sono i figli che nascono da noi ma crescono con la loro originalità.

Come eravate allora, e come siete adesso?

 Intanto l’allora era il 2007, quando è nata la nostra quarta figlia: sono passati 15 anni. Abbiamo conosciuto famiglie numerose da tutta Italia scoprendo che identico è il brillìo degli occhi. Abbiamo incontrato diverse esperienze e una, in particolare, ci ha attratto e formato. Siamo diventati Consulenti Familiari ® dopo aver frequentato a Padova, presso Ce. Co.F. e S.,  il corso triennale che abbiamo conosciuto proprio tramite l’Associazione.

Cosa si può fare, secondo voi, per aiutare le nuove generazioni a scegliere la vita?

Si sceglie la vita se la vita ha un senso. Noi abbiamo incontrato il senso della vita nel Cristianesimo e ancora di più nel movimento di Comunione e Liberazione, il movimento cui apparteniamo. La strada è quindi la testimonianza, secondo noi.
Scrive Juliàn Carron, ex Presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione: “Non c’è altra modalità di renderli partecipi della verità che abbiamo ricevuto che non sia il condividerla, comunicarla loro attraverso la vita; appunto, attraverso la testimonianza.” [1]
L’Associazione Nazionale delle Famiglie Numerose è lo strumento di diffusione di molte testimonianze a favore della vita.

Grazie Ines ed Enrico per la vostra testimonianza e per le parole con le quali avete voluto concluderla. Siete stati e siete una famiglia di riferimento per Anfn, attualmente ricoprite anche il ruolo di Coordinatori dei coordinatori, un percorso di accoglienza e di amicizia il vostro, e come avete sottolineato anche di formazione, visto che entrambi siete diventati Consulenti Familiari. Congratulazioni e complimenti.

Alfio Spitaleri