• it
«Famiglie numerose stangate» Rifiuti, è polemica in consiglio

«Famiglie numerose stangate» Rifiuti, è polemica in consiglio

25 views
Condividi

Il regolamento e le tariffe della Tares hanno infiammato il consiglio comunale lunedì sera. La nuova tassa sui rifiuti, che va a sostituire la Tarsu, andrà ad incidere in particolar modo sul bilancio delle famiglie numerose.
Saranno i nuclei familiari con più di tre occupanti, residenti in abitazioni di basse metrature, a vedere i maggiori aumenti. La stangata più evidente è quella che riguarda infatti un’abitazione di 50 metri quadrati con 6 e più occupanti. Per queste famiglie la differenza tra l’importo versato per la Tarsu (84,05 euro) e Tares (250,64 euro) sarà di 166,59 euro, con un aumento del 198,2%. Per quanto riguarda invece la stessa tipologia di famiglia, ma residente in un’abitazione di 100 metri quadri, la differenza d’importo sarà di 127,28 euro.
Gli aumenti partiranno da fine anno. Entro il mese di luglio si dovrà versare un acconto del 60% calcolato sulla base della vecchia Tarsu, il saldo invece è previsto per il mese di novembre.
Non solo gli aumenti per i nuclei numerosi hanno acceso la discussione. La minoranza ha infatti ribadito più volte nel corso della serata la necessità di capire se ci saranno ulteriori crescite, evidenziando anche la necessità di tutelare le fasce più deboli. I consiglieri di opposizione hanno preso spunto da altre città, in particolare Milano, chiedendo esoneri per le famiglie in difficoltà.
L’assessore all’Ambiente Bruno Magatti, oltre a spiegare che una migliore raccolta differenziata dovrebbe permettere in futuro un risparmio economico, ha aggiunto di non essere d’accordo con soluzioni di questo tipo.

www.laprovinciadicomo.it