• it
Assemblea nazionale, Carovigno (Brindisi)

Assemblea nazionale, Carovigno (Brindisi)

170 views
Condividi

Trasparente, chiara, serena, partecipata. La Assemblea Nazionale dei coordinatori della Anfn, tenutasi a Carovigno (Br) il 3 novembre, a conclusione della tre giorni di lavori dei coordinatori di tutta Italia (16 regioni rappresentate su 20) si è svolta in un clima di fratellanza e armonia, ma anche molta professionalità.
Approvato all’unanimità il bilancio consuntivo 2018 presentato dal tesoriere di Anfn Paolo Puglisi, seguendo i principi di comprensibilità, comparabilità, trasparenza e coerenza.
Via libera anche per il bilancio preventivo 2019, all’unanimità anche questo.
Tutto si è svolto in un clima sereno e disteso, non senza interventi da parte dei coordinatori che hanno richiesto chiarimenti e spiegazioni al tesoriere Puglisi che ha risposto con competenza e assoluta trasparenza.
Durante la Assemblea si sono ratificate le dimissioni dal Consiglio Nazionale di Roberta ed Emiliano Ferri, Margherita e Marco Invernizzi.
In loro sostituzione sono stati proposti dal CN Emanuela e Lucio Gasparo, Mariella e Giancarlo Bettucci e approvati dall’assemblea.

Breve ma efficace la Assemblea dei coordinatori si è conclusa con la Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo di Brindisi Mons. Domenico Caliandro.
La celebrazione, interamente animata dalle famiglie dei coordinatori della Associazione, si è arricchita dei doni portati all’altare dai bambini e dai ragazzi, frutto del lavoro mattutino insieme allo staff della animazione, guidato da Marina Ruggiero e da Miriam Resta Corrado.

Difficile salutarsi dopo la fase conclusiva di tre giorni di lavoro in cui la famiglia, quella numerosa in particolare, era al centro dei pensieri di ognuno.
Altrettando difficile, però, sarà per i partecipanti dimenticare quella energia positiva che
si respirava nelle parole, negli sguardi, nei gesti di chi era a Carovigno in quei giorni.
La accoglienza pugliese, poi, ha reso tutto il soggiorno a Carovigno una vera e propria occasione di condivisione e gioia, con momenti di cultura (visita al Castello Dentice Frasso), enogastronomia (degustazione della puccia originale salentina) e di sano divertimento con lo spettacolo di Pizzica salentina.

In una Europa in cui sembra che il vento stia cambiando, in cui la famiglia pare stia riconquistando qualche posizione rispetto ai margini in cui era stata relegata, tutta la fatica e il peso di ogni giorno sembrano fare posto alla speranza che, inconsapevole,
fa capolino tra le maglie di una rete in cui sembrava essersi impigliata.

“Promuoviamoci, perché valiamo”. Questo lo slogan con cui ogni coordinatore è tornato nella propria regione, con la certezza che sta lavorando per un fine giusto oltre che bello. Tutti al lavoro, allora.

     Maria Luisa Troisi Della Marca