• it
Chi vuole sostenere Carmen e Giuliano che andranno ad aiutare i bambini...

Chi vuole sostenere Carmen e Giuliano che andranno ad aiutare i bambini delle Filippine

86
Condividi

Carissime famiglie
proponiamo alla vostra attenzione la richiesta che ci è pervenuta da Carmen e Giuliano.

 

Abbiamo da poco attivato una raccolta fondi su una piattaforma on-line per aiutare i bambini delle Filippine, terra dove ci recheremo in “missione” a fine Aprile con i nostri 5 piccoli bambini.

Riteniamo doveroso che chi più ha ricevuto dalla vita (in termini di capitale umano) debba anche donare, secondo i talenti che occorre restituire moltiplicati.

Vi presentiamo il nostro progetto con questo testo, con “domanda/risposta”, che riassume in poche parole il nostro intento e riporta i link per capire di più e per donare.

 

D.: Ciao ragazzi, ci presentate la vostra famiglia?
R.: Siamo Carmen&Giuliano, sposati dal 2008. Nello stesso anno nasce Giulia, seguita dopo 15 mesi da Flavia. La doppietta non basta e quindi per portare a casa il risultato concepiamo Diana che viene alla luce nel 2012. L’anno seguente proviamo l’esperienza del maschio, che però è triste senza fratellino e quindi a Claudio segue a ruota Daniele. Persistenti dolori alla schiena e lavatrici che vanno in “loop” tutto il giorno tutti i giorni, ma complessivamente una figata!

D.: Da cosa nasce l’idea del viaggio?
R.: In occasione del nostro matrimonio chiedemmo agli invitati non regali ma soldi, tanti soldi. Tutto quello che avremmo ricevuto sarebbe stato donato in opere di bene. Ci sembrava un bel modo di iniziare un fecondo progetto di VITA. Così partimmo in viaggio di nozze per una delle capitali povere del mondo, destinazione Suore Missionarie di Manila. Fu straziante ma anche commovente, appagante, bellissimo. Oggi, per celebrare “alla noi” il nostro 10mo anniversario, rifacciamo tutto uguale. Ci sembra la maniera migliore per insegnare ai nostri figli il valore dello spendersi per chi ha bisogno. Gli esempi valgono più di mille prediche.

D.: Cosa farete esattamente e per cosa state facendo fundraising?
R.: La causa che abbiamo scelto di supportare è l’emergenza umanitaria dei poveri (che, come spesso accade, hanno delle grandi famiglie numerose) residenti nelle baracche intorno la discarica di Manila, una delle più grandi al mondo. I bambini camminano scalzi nel percolato, scavano nei rifiuti alla ricerca di qualcosa da poter rivendere con immaginabili conseguenze per la loro salute. Le famiglie non possono curarli, e allora si rivolgono all’unico istituto locale in grado di far fronte alle principali necessità: la struttura delle Missionarie della Carità (Home of Joy for the sick children). Tanti posti letto sono dedicati ai bambini orfani ed a quelli nati deformi. Gli ultimi tra gli ultimi, insomma.

D.: Come si svolgerà il viaggio?
R.: Come 10 anni fa, porteremo tutto quello che riusciremo a raccogliere direttamente alla direttrice della struttura, senza intermediari, per essere sicuri che ogni euro giunga a destinazione. Partiremo a fine Aprile, chiedendo ancora una volta a San Giorgio di custodire il nostro cammino. Dedicheremo poi qualche giorno per far esplorare ai nostri figli (dai 9 ai 2 anni) le meraviglie delle Filippine, Paese povero ma dotato di un capitale paesaggistico ed umano fuori dall’ordinario!

D.: Come possiamo contribuire? Perché tra i mille progetti di donazione dovrebbero scegliere voi?
R.: Abbiamo aperto una raccolta di sovvenzioni qui: https://buonacausa.org/cause/homeofjoy.
Sulla nostra pagina FB, aggiornata quotidianamente, spieghiamo nel dettaglio chi siamo e cosa abbiamo intenzione di fare rispondendo ad ogni domanda:
https://www.facebook.com/carmense2002.
Gareggiare con gli altri progetti di beneficienza non ci interessa, pensiamo che ogni iniziativa finalizzata a colmare le iniquità del nostro tempo vada sostenuta con decisione, specialmente se a favore dei diritti negati ai bambini. Nel nostro piccolo possiamo solo garantire che ci impegneremo a far fruttare ogni singolo euro affidatoci. Abbiamo guardato negli occhi bambini letteralmente raccolti dentro la spazzatura, bisognosi di tutto. Da soli potremmo fare poco, insieme molto di più. Grazie per quello che riuscirete a donare.