• it
Papa Francesco ci incontra, che gioia!

Papa Francesco ci incontra, che gioia!

164
Condividi

MONZA BRIANZA: PAPA FRANCESCO CI INCONTRA, CHE GIOIA!

E’ sabato 25 Marzo 2017 e la sveglia è all’alba … Si parte per l’oratorio l’Agorà insieme agli amici di Mariano Andrea e Lucia (coordinatori provinciali di Como) col piccolo Marco, mentre gli altri loro tre grandi Luca Davide Samuele sono già a Monza col gruppo scout, partito alle 7.

Noi, Pier e Barbara ci uniamo con i nostri quattro, Tommaso Gaia Viola e Pietro al nostro gruppo dell’oratorio di Carate. Sì, la carovana di trecento biciclette e biciclette parte per Monza: papà mamme bambini ragazzi adolescenti giovani nonni: già questo è festa!

L’entusiasmo cresce sempre più col passare dei chilometri avvicinandoci alla meta tra strade sterrate e provinciali. Arrivati a Monza lasciamo le bici in oratorio e continuiamo il percorso a piedi. Notiamo e vediamo subito la fiumana di gente che arriva da ogni strada e via, tutti diretti verso il Parco, dove accoglieremo il Papa.

Sul prato, divisi in settori, salta subito all’occhio la presenza di numerosissime famiglie come le nostre, venute per celebrare l’Eucarestia col Santo Padre. L’attesa, seppur lunga, è vissuta in modo positivo tra canti musiche chitarra giochi movimenti e panini … poi improvvisamente, giunta l’ora, compare la papamobile e l’emozione di tutti i fedeli sale tra lo sventolio delle bandane, lo vogliamo vedere da vicino e Lui passando si volta verso tutti benedicendo.

Arriva il momento centrale della giornata, l’Eucarestia, e tutti in raccoglimento ascoltano le letture. Sentiamo l’emozione e la stanchezza del Pontefice nel suo tono di voce, ma passano dalle sue parole contenuti importanti, quali l’Annunciazione a Maria (Lc 1,26-38), un brano denso di vita così come quello della nascita di Giovanni Battista (Lc 1,5-20), ricordando che tutto ciò è avvenuto in periferia, nella casa di una giovane donna qualsiasi come Maria, proprio come Lui stesso ha fatto suo qualche ora prima, vivendo in prima persona l’incontro con realtà di marginalità ed emarginazione.

Ed è proprio all’interno delle nostre città, delle nostre scuole e università, delle piazze e degli ospedali che si compie l’annuncio più bello che si possa ascoltare: RALLEGRATI, IL SIGNORE E’ CON TE. Una gioia che diventa solidarietà, ospitalità, misericordia verso tutti”.

Pertanto davanti ai nostri smarrimenti Papa Francesco indica tre linee guida che aiutino tutti a vivere la propria missione quotidiana:

  • EVOCARE LA MEMORIA nel legame con la nostra storia,
  • L’APPARTENENZA AL POPOLO DI DIO, che è la Chiesa multiculturale e multietnica,
  • LA POSSIBILITA’ DELL’IMPOSSIBILE nella disponibilità di apertura alla Grazia. E’ l’appello all’Alleanza e alla Cooperazione nella creatività dello Spirito.

… E così giunge l’ora del saluto in un coro a più voci, emozionati e scaldati dalle Sue parole, come un fiume in piena, lasciamo il parco e facciamo ritorno alle nostre case in un incrocio ripetuto di bici e cortei a piedi e pullman. Ora vogliamo dirti GRAZIE Signore per questa giornata di amicizia e forte testimonianza.

Mauri Pier e Barbara con Pirolo Andrea e Lucia