• it
Il pacchetto famiglia nella legge di bilancio 2017

Il pacchetto famiglia nella legge di bilancio 2017

409
Condividi

La legge di Bilancio 2017 (L. 232/2016) ha previsto alcuni interventi a sostegno della famiglia e per incentivare la natalità, ci sono novità e proroghe di sperimentazioni in essere.

Non entriamo nel dettaglio di ciascun intervento, mancano ancora decreti attuativi e/o circolari applicative, vediamo insieme di cosa si tratta.

Concedo obbligatorio e facoltativo dei papà: proroga sperimentazione

La sperimentazione introdotta dalla riforma del lavoro targata Fornero (art. 4, c. 24, lett. a, L. 92/2012) già estesa al 2016, è stata prorogata fino al 2018.

I lavoratori dipendenti devono fruire di un congedo obbligatorio, entro i 5 mesi dalla nascita del figlio, la durata del congedo è di:

2 giorni per le nascite che avvengono nel 2017
4 giorni per le nascite che avverranno nel 2018
È stata confermata anche la possibilità di fruizione del giorno di congedo facoltativo – da fruire previo accordo con la madre ed in riduzione del congedo obbligatorio della mamma.

VOUCHER BABY SITTING sostitutivi del congedo parentale: proroga sperimentazione

Anche la sperimentazione dei voucher baby sitting introdotta dalla riforma del lavoro targata Fornero (art. 4, c. 24, lett. b, L. 92/2012) , già estesa nel 2016 anche alle lavoratrici autonome o imprenditrici, è stata prorogata per tutte le mamme lavoratrici fino al 2018.

Premio alla nascita: 800 euro

Dal 1° gennaio 2017 è previsto il riconoscimento di un premio pari ad € 800 per ogni nascita o all’adozione di un minore.

Il premio non concorre alla determinazione del reddito complessivo e sarà corrisposto dall’INPS in unica soluzione, previa domanda da inoltrare a cura della futura mamma al 7° mese di gravidanza o all’atto dell’adozione.

Buono per pagamento rette asili nido: 1000€
Con riferimento ai nati dal 1° gennaio 2016 è previsto un buono di 1000 €, erogato a titolo di concorso nella spesa

per il pagamento della retta di asili nido (pubblici e privati)

oppure

per forme di sostegno presso il proprio domicilio in favore di bambini under 3 anni, affetti da gravi patologie croniche.
L’importo sarà erogato in undici mensilità, sarà corrisposto dall’INPS al genitore richiedente, previa presentazione di idonea documentazione attestante l’iscrizione e il pagamento della retta a strutture pubbliche o private.

Il buono non è fruibile contestualmente ai voucher baby sitting sostitutivi del congedo parentale.

Fondo di sostegno alla natalità

Presso la presidenza del Consiglio dei Ministri è stato istituito il Fondo di Sostegno alla natalità con lo scopo di favorire l’accesso al credito delle famiglie con uno o più figli, nati o adottati a decorrere dal 1° gennaio 2017, mediante rilascio di garanzie dirette.


Cosa fare?

Se per il congedo dei neo papà è sufficiente inoltrare domanda, per tutti gli altri istituti è necessario attendere la riapertura delle procedure dell’INPS (nel caso del Voucher baby sitting) o attendere l’emanazione dei decreti attuati e delle circolari applicative, nonché l’attivazione delle specifiche procedure telematiche.

Resta sempre aggiornato con Patronato Acli!

Fonte: patronato.acli.it

._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._._.

In attesa di una politica organica a sostegno della famiglia, ci auguriamo che almeno i decreti attuativi e/o le circolari applicative non tardino ad arrivare e soprattutto non svuotino di contenuti e di sostanza questi interventi.