Dicono di noi   Sala stampa   Comunicati  Iniziative   Video    Cerca nel sito:  
 23/10/2014  NARDO': Il Comune taglia i costi della mensa. Dal secondo figlio si paga la metà   •  23/10/2014  In Villa Glisenti si parla di famiglia, crisi sociale ed economica con “Unidea”  •  22/10/2014  Vendo Ford c-max 7 posti  •  21/10/2014  Crescere un figlio, stangata che arriva a 6700 euro l’anno  •  20/10/2014  Oggi su SkyTG24 si parla di politiche familiari  •  20/10/2014  Colavita S.p.A. Olio Extra Vergine d'oliva 100% Italiano Certificato  •  20/10/2014  Le Aie Saperi & Sapori Parma, prodotti alimentari esclusivi di altissima qualità.  •  19/10/2014  "ETREBELLE" la Bottega della Salute  •  18/10/2014  ROMA: MARINO TRASCRIVE I MATRIMONI GAY   •  17/10/2014  Bolzano: edilizia agevolata verso una maggiore equità   Feed RSS facebook Youtube Youtube





Trentino-Alto-Adige Friuli-Venezia-Giulia Veneto Marche Umbria Abruzzo Molise Valle-da-Aosta Lombardia Piemonte Emilia-Romagna Liguria Toscana Lazio Puglia Basilicata Campania Calabria Sicilia Sardegna
È suonata la prima campanella nelle scuole di ogni ordine e grado d’Italia e, con l’inizio della scuola, torna puntuale la questione della “tassa di iscrizione” (che dovrebbe essere un contributo volontario). A quanto ammonta?
 
non abbiano ricevuto richiesta per alcun contributo volontario

meno di venti euro a figlio

tra venti e quaranta euro a figlio

tra quaranta a sessanta euro a figlio

oltre sessanta euro a figlio

 


 
Stampa questa pagina  Invia ad un amico 

L'assegno INPS per il nucleo numeroso anche agli stranieri con permesso di lungo periodo

L’aiuto dei Comuni spetta anche agli extracomunitari con il Permesso Ce soggiornanti di lungo periodo. La decisione del Tribunale di Roma
Famiglie numerose. “Assegno dei Comuni anche a chi ha la carta di ...
Stranieri in Italia
È più o meno l'aiuto che i Comuni italiani danno alle famiglie numerose che non raggiungono un determinato reddito e hanno almeno tre figli minori. Sul suo sito internet, l'Istat indica tra i requisiti per ricevere l'assegno anche la cittadinanza...
L’aiuto dei Comuni spetta anche agli extracomunitari con il Permesso Ce soggiornanti di lungo periodo. La decisione del Tribunale di Roma Roma – 10 novembre 2011 - Millesettecento euro l’anno, divisi in tredici mensilità. È più o meno l’aiuto che i Comuni italiani danno alle famiglie numerose che non raggiungono un determinato reddito e hanno almeno tre figli minori.
Sul suo sito internet, l’Istat indica tra i requisiti per ricevere l’assegno anche la cittadinanza italiana o comunitaria. Una recente sentenza del tribunale di Roma dice però che l’assegno va riconosciuto anche alle famiglie degli extracomunitari titolari di “permesso CE per soggiornanti di lungo periodo”, la cosiddetta carta di soggiorno.
È il risultato di un’azione legale patrocinata dall’avvocato Luca Santini e promossa dall'INCA di Roma Centro. Il patronato si è mosso così per tutelare un cittadino extracomunitario che aveva in tasca la carta di soggiorno, al quale era stato negato l'assegno.
Al centro del ricorso, spiega una nota del patronato, la direttiva 2003/109/CE che stabilisce la parità di trattamento tra gli extracomunitari con la carta di soggiorno e i cittadini nazionali in materia di prestazioni sociali, assistenza sociale e la protezione sociale. Gli Stati membri possono però limitare tale parità alle prestazioni essenziali.
"Per prestazioni essenziali - ha sostenuto il Tribunale di Roma - vanno intese quelle relative a un reddito minimo, all'assistenza per malattia, per gravidanza, l'assistenza parentale e l'assistenza di lungo termine, comprendendo pertanto anche l'assistenza genitoriale, ed è evidente la natura oggettiva di prestazione di assistenza sociale essenziale dell'assegno per i nuclei familiari con almeno tre figli minori, che ha come finalità quella di garantire un ausilio economico alle famiglie numerose in forte stato di disagio”.
“Eventuali deroghe al principio di parità – si legge ancora nella sentenza - devono essere dotate di una specifica e ragionevole causa giustificatrice, pena la violazione dell'art. 3 della nostra Costituzione". Il Tribunale ha condannato l'Inps, quale ente erogatore, al pagamento dell'assegno.
Non è la prima volta: anche il Tribunale di Gorizia, ad esempio, nell’ottobre 2010 aveva preso la stessa decisione su un ricorso analogo presentato da un cittadino del Kosovo e dall'ASGI. Quante altre azioni legali serviranno per modificare, una volta per tutte, quei requisiti?
EP

14/11/2011

Per poter inserire un commento occorre registrarsi.
Clicca qui per registrarti.
Pagine: [ 1 ]




 FAMIGLIA E POLITICA 
 Buongiorno. Mi trovo nella stessa condizione di Alessandro e Cecilia per il pagamento della TASI a Milano. Non posso più usufruire della detrazione di... di LUCIA-NAZARENO

 ACQUISTO AUTO PAGAMENTO CON CAMBIALI 
 Per Andautom, cortesement possibile avere un Vostro contatto per poterVi contattare a riguardo il mezzo Scudo in vendita?
il nostro indirizzo è<...
di fabiangol

 FAMIGLIA CON 4 FIGLI A CARICO: AIUTI? 
 siamo la famiglia Zecca di Niviano (pc) e ho letto un messaggio del forum che puo' interessarmi e volevo farvi un riassunto se avevo capito: abbiamo 4... di simonetti.davide

 LA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA 
 Ciao sono Rossella ho 53 anni e quattro figli. Volevo scrivere la mia esperienza di mamma che ha avuto la quarta figlia a 42 anni compiuti.
Anche...
di ROCCA

 FIOCCO ROSA 
 Ciao a tutti la famiglia Mattugini con tantissima gioia vi presenta Maria nata il 20 maggio dopo tanta attesa per la felicità dei fratelli Emmanuel... di morus
 
























Hosting by
Web Project Snc - Realizzazione siti web

 
 
Copyright © Associazione Nazionale Famiglie Numerose 2014 - www.famiglienumerose.org