Dicono di noi   Sala stampa   Comunicati  Iniziative   Video    Cerca nel sito:  
 30/09/2014  L'ANFN CHE VORREI  •  23/09/2014  Ve lo do io un vero scoop: c’è una città in Italia dove si fanno un sacco di figli   •  23/09/2014  Una Partita in Famiglia per la pace nel mondo: il sogno si è realizzato  •  22/09/2014  Papà di cinque figli cerca urgentemente lavoro  •  22/09/2014  Vendesi pulmino Volkswagen 9 posti  •  20/09/2014  E' nato Gabriele Cerboni  •  20/09/2014  Festa Regionale ANFN Sicilia: ecco com'è andata...  •  20/09/2014  CASCAIS, 19-20 SETTEMBRE: ELFAC IN CONGRESSO PER I SUOI 10 ANNI  •  17/09/2014  Barbara 110 e lode !  •  17/09/2014  PAVIA: FESTA DIOCESANA DELLA FAMIGLIA  Feed RSS facebook Youtube Youtube





Trentino-Alto-Adige Friuli-Venezia-Giulia Veneto Marche Umbria Abruzzo Molise Valle-da-Aosta Lombardia Piemonte Emilia-Romagna Liguria Toscana Lazio Puglia Basilicata Campania Calabria Sicilia Sardegna
È suonata la prima campanella nelle scuole di ogni ordine e grado d’Italia e, con l’inizio della scuola, torna puntuale la questione della “tassa di iscrizione” (che dovrebbe essere un contributo volontario). A quanto ammonta?
 
non abbiano ricevuto richiesta per alcun contributo volontario

meno di venti euro a figlio

tra venti e quaranta euro a figlio

tra quaranta a sessanta euro a figlio

oltre sessanta euro a figlio

 


 
Stampa questa pagina  Invia ad un amico 

PROVINCIA DI TRENTO: ECCO IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE NUMEROSE NEL 2011

1 MILIONE E 72MILA EURO PER IL SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE NUMEROSE NEL 2011


Su proposta del presidente Lorenzo Dellai e dell'assessore alle politiche sociali Ugo Rossi, la giunta provinciale ha oggi approvato in via sperimentale i criteri e le modalità per la concessione di contributi a favore delle famiglie numerose per ridurre i costi connessi alle tariffe derivanti dai consumi energetici domestici, così come previsto dall'articolo 6, comma 5, della legge provinciale n. 1 del 2 marzo 2011 "Sistema integrato delle politiche strutturali per la promozione del benessere familiare e della natalità". L'approvazione delle modalità per attuare il contributo di cui sopra ha visto la collaborazione e il riconoscimento del protagonismo dell'associazionismo familiare che ha collaborato a progettare le politiche familiari. Provincia autonoma di Trento, Associazione Nazionale Famiglie numerose e Forum Trentino delle Associazioni per la famiglia il 27 marzo 2010 avevano siglato a Pinzolo, in occasione dell'incontro annuale dei coordinatori regionali dell'Associazione Nazionale Famiglie Numerose, un protocollo di intesa per la determinazione congiunta dei criteri per la concessione dei contributi alle famiglie numerose trentine per abbattere i costi connessi ai consumi idrici ed energetici. La Provincia ha quindi attivato un rapporto di reciproca collaborazione, promuovendo il principio della sussidiarietà orizzontale, valorizzando e coinvolgendo l'associazionismo familiare stesso nella progettazione di queste politiche.
Il gruppo di lavoro istituito a seguito della firma di quel protocollo di intesa si è incontrata più volte nel corso dell'anno e nella seduta del 19 maggio 2011 ha approvato le disposizioni attuative oggi fatte proprie e deliberate dalla giunta provinciale.

Scopo dell'intervento approvato oggi è quello di supportare la capacità di spesa delle famiglie numerose erogando una somma calcolata tenendo conto della spesa aggiuntiva richiesta alle famiglie con un alto consumo idrico ed energetico, dovuto ad un numero elevato di componenti il nucleo, in base alle tariffe vigenti.
Per poter accedere al contributo, il richiedente al momento della domanda deve essere residente da più di 3 anni continuativi in provincia di Trento, deve avere almeno tre figli a carico e possedere un indicatore ICEF inferiore o uguale a 3,3529. Da sottolineare che sono equiparati a figli anche il concepito, quando la data presunta del parto è determinata entro la fine dell'anno in cui il richiedente presenta domanda, nonché i minori in stato di affido familiare.
Il contributo massimo che è attribuito alle famiglie con un valore ICEF pari o inferiore al valore di 0,03 è di 2000,00 euro/anno per 3 figli, 350,00 euro/anno per 4 figli, 420,00 euro/anno per 5 4 più figli; il contributo minimo che viene invece attribuito alle famiglie con un valore ICEF di 0,3529 è di 100,00 euro/anno per 3 figli, 175,00 euro anno per 4 figli, 210,00 euro/anno per 5 e più figli. Il contributo medio annuo per famiglia è pari a 183,70 euro; il costo complessivo dei contributi è pari a 1.072.620,00 euro.
Le domande di contributo vanno presentate all'Agenzia Provinciale per l'Assistenza e la Previdenza Integrativa, anche avvalendosi, per la presentzaione della domanda in via telematica, del supporto degli sportelli di informazione e assistenza al pubblico della Provincia. La concessione dell'intervento avviene sulla base dell'importo calcolato e trasmesso all'Agenzia dal sistema informatico ICEF, senza necessità di acquisire preventivamente la domanda cartacea e nel rispetto dell'ordine cronologico di presentazione in via telematica. L'ordine cronologico è determinato dalla data di trasmissione della domanda al sistema informativo.
A regime, le domande devono essere presentate nel periodo che va dal mese di luglio al mese di dicembre con riferimento al reddito e al patrimonio dell'anno precedente. Può essere presentata una sola domanda per ogni anno di riferimento. Per l'anno 2011, invece, si applica un regime transitorio e, quindi, le domande potranno essere presentate da settembre a dicembre 2011; conseguentemente, per le domande presentate entro il mese di novembre la liquidazione del contributo verrà effettuata entro il mese di dicembre. Per le domande presentate nel mese di dicembre, il contributo sarà liquidato entro il mese di febbraio 2012. Entro il 28 febbraio 2012 si provvederà a erogare gli interventi relativi alle domande accolte nel 2011 e per le quali, nel medesimo esercizio, non è stato effettuato il relativo pagamento.
Tutto ciò, come detto sopra, è stato approvato in via sperimentale. La sperimentazione si rende infatti necessaria per testare i parametri contenuti nella deliberazione oggi approvata in giunta e consentire di operare gli opportuni adeguamenti per la successiva messa a regime di questo tipo di intervento, dopo che sarà stato valutato l'impatto di questa strategia sulle famiglie interessate.
Per maggiori informazioni è possibile accedere allo Sportello Famiglia gestito dal Forum delle Associazioni Familiari del Trentino telefonando allo 0461 493144 o scrivendo una mail all'indirizzo sportello.famiglia@provincia.tn.it, oppure consultare il portale www.trentinofamiglia.it.

Comunicato n. 1810 del 01/0//2011

05/07/2011
Alfio e Emanuela Spitaleri - Coordinatori Trentino Alto Adige ---- Luca e Martina De Fanti - Coordinatori della Provincia di Trento

Scarica allegati:

Per poter inserire un commento occorre registrarsi.
Clicca qui per registrarti.
Pagine: [ 1 ]




 LA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA 
 Ciao a tutti. Vorrei un consiglio/opinione/esperienza.....Si può avere il quarto figlio a 41 anni?!!!
Tutti mi dicono che sono troppo vecchia, che...
di ROCCA

 FAMIGLIA E POLITICA 
 Buongiorno a tutti. Viviamo davvero in un Paese che non tiene in nessun conto il valore della famiglia e dei figli.
Forse non tutti i Comuni ragio...
di LUCIA-NAZARENO

 FIOCCO ROSA 
 Ciao a tutti la famiglia Mattugini con tantissima gioia vi presenta Maria nata il 20 maggio dopo tanta attesa per la felicità dei fratelli Emmanuel... di morus

 FAMIGLIA CON 4 FIGLI A CARICO: AIUTI? 
 Ciaooooooo,
Scusate l'ignoranza, ma come faccio a rispondere ad un messaggio o mettermi in contatto con chi l'ha pubblicato?
Grazie, buona g...
di simonetti.davide

 ACQUISTO AUTO PAGAMENTO CON CAMBIALI 
 salve a tutti sono nuovo al forum ho 4 figli da 2 a 9 anni sono di napoli e sono disoccuppato cerco lavoro in qualsiasi parte d 'italia pronto a trasf... di fabiangol
 























Hosting by
Web Project Snc - Realizzazione siti web

 
 
Copyright © Associazione Nazionale Famiglie Numerose 2014 - www.famiglienumerose.org