Dicono di noi   Sala stampa   Comunicati  Iniziative   Video    Cerca nel sito:  
 20/10/2014  Oggi su SkyTG24 si parla di politiche familiari  •  20/10/2014  Colavita S.p.A. Olio Extra Vergine d'oliva 100% Italiano Certificato  •  20/10/2014  Le Aie Saperi & Sapori Parma, prodotti alimentari esclusivi di altissima qualità.  •  19/10/2014  "ETREBELLE" la Bottega della Salute  •  18/10/2014  ROMA: MARINO TRASCRIVE I MATRIMONI GAY   •  17/10/2014  HolyWin  •  15/10/2014  Bologna: Arriva il bonus compensa -Tasi, 50 euro a figlio  •  14/10/2014  Trentino: sostegno alle famiglie numerose  •  14/10/2014   A Palermo e Catania Ciclo di Incontri su Adolescenza Affettività e Famiglia.  •  13/10/2014  ELFAC: Pope Francis's Audience to large families  Feed RSS facebook Youtube Youtube





Trentino-Alto-Adige Friuli-Venezia-Giulia Veneto Marche Umbria Abruzzo Molise Valle-da-Aosta Lombardia Piemonte Emilia-Romagna Liguria Toscana Lazio Puglia Basilicata Campania Calabria Sicilia Sardegna
È suonata la prima campanella nelle scuole di ogni ordine e grado d’Italia e, con l’inizio della scuola, torna puntuale la questione della “tassa di iscrizione” (che dovrebbe essere un contributo volontario). A quanto ammonta?
 
non abbiano ricevuto richiesta per alcun contributo volontario

meno di venti euro a figlio

tra venti e quaranta euro a figlio

tra quaranta a sessanta euro a figlio

oltre sessanta euro a figlio

 


 
Stampa questa pagina  Invia ad un amico 

LIBERE DI ABORTIRE, MA NON DI DIVENTARE MADRI

Troppe donne costrette ad abortire per ragioni economiche: il drammatico caso di Sonia non é un caso isolato: è l'amara denuncia di Matteo Crotti, ginecologo, presidente provinciale del Movimento per la Vita di Correggio, che verifica sul campo il fallimento dello Stato davanti alle difficoltà di una madre.

Come ginecologo e soprattutto come presidente del movimento della vita di Correggio devo purtroppo ammettere che la drammatica testimonianza di Sonia non si tratta senz’altro di un caso isolato o di un'eccezione. Da studi effettuati su un campione significativo (oltre 900 donne) della provincia di Modena, abbiamo constatato come la motivazione economica sia una delle cause principali di richiesta di interruzione di gravidanza. Specie nelle famiglie non comunitarie, il monoreddito, gli esosi affitti, il costo crescente della vita fanno si che l’arrivo di un nuovo bimbo destabilizzi completamente la situazione economica già precaria e che queste mamme siano in qualche modo costrette ad abortire. Molte famiglie, di fronte ad un test di gravidanza positivo, invece di gioire, come meriterebbe qualsiasi coppia, prendono in mano la calcolatrice e cominciano a fare due conti. Da questi conti, sempre più spesso, si raggiunge la drammatica conclusione: non c’è spazio per questo bimbo!
Come movimento per la vita ci troviamo quindi a “barattare” la sopravvivenza di questi embrioni rilanciando aiuti economici fino a quando la coppia non si sente sufficientemente tranquilla nel poter prender in considerazione di proseguire la gravidanza.
Purtroppo nessuno però ammette l’assoluta illegalità, oltre che disumanità, di questa situazione.
La legge attualmente in vigore prevede infatti all’articolo 5 che: ”Il consultorio e la struttura soCio-sanita…hanno il compito in ogni caso, e specialmente quando la richiesta di interruzione volontaria di gravidanza sia motivata dall’incidenza delle condizioni economiche, o sociali, o familiari sulla salute della gestante, di esaminare con la donna...le possibili soluzioni dei problemi proposti, di aiutarla a rimuovere le cause che la porterebbero all’interruzione della gravidanza, di metterla in grado di far valere i suoi diritti di madre e di lavoratrice, di promuovere ogni opportuno intervento atto a sostenere la donna, offrendole tutti gli aiuti necessari sia durante la gravidanza sia dopo il parto.”<br> Ne deriva che gli abori di tante cittadine italiane e non, oltre che un dramma personale, familiare, sociale, sono atti che constatano il fallimento dello stato italiano nell’applicare una legge nata per la tutela della maternità e non solo per l’aborto.
E come mai questa legge non viene rispettata? Le motivazioni sono molteplici. Innanzi tutto spesso le mamme non hanno la possibilità di essere ascoltate. E’ innegabili che gli spazi dedicati al momento per la certificazione per abortire non siano spesso idonei per poter affrontare quelle problematiche così delicate e complesse che inducono una mamma a rifiutare il proprio figlio.
Nei consultori, negli ospedali e soprattutto negli studi dei liberi professionisti la fretta e a volte la freddezza regna sovrana. In alcuni casi gli operatori (ovviamente non obiettori) sono scarsamente motivati o non sono a conoscenza delle reti di sostegno per le donne che sono in difficoltà. Ma il problema fondamentale resta la mancanza di fondi dedicati. La legge 194/78 non ha infatti previsto stanziamenti a favore della maternità difficile e tutto ricade sulle associazioni pro-life di volontariato assolutamente inadeguate a far fronte ad una richiesta sempre crescente. Paradossalmente se una donna vuole abortire lo stato è pronto a spendere circa 1000 euro per pagare l’intervento, il ricovero e gli esami preoperatori. Se la stessa donna decidesse di tenere il proprio figlio, malgrado le difficoltà economiche, non ha diritto a nessun tipo di sostegno. Ci troviamo ormai in una situazione dove in Italia una donna è libera di abortire tutte le volte che crede ma non ha la libertà di proseguire la gravidanza e diventare madre. In questo periodo, a 30 anni dall’approvazione della legge, molte figure autorevoli e non continuano a sbandierare trionfalmente questa legge in nome della libertà femminile. Non capisco con che coraggio possano rivolgersi a Sonia e a tante madri come lei che grazie alla non applicazione della stessa legge sono state letteralmente costrette ad abortire.
Come famiglie numerose, esempio tangibile e concreto della apertura alla vita, dovremmo ancora una volta fare sentire la nostra voce a favore della vita nascente, non cadendo in quelle sterili polemiche da comizi pre elettorali che non fanno altro che creare nuovi scontri e schieramenti, ma pretendendo da questo stato un rispetto assoluto della legge in vigore per una reale tutela della maternità.
Dr. Matteo Crotti

09/02/2008

Per poter inserire un commento occorre registrarsi.
Clicca qui per registrarti.
Pagine: [ 1 ]




 ACQUISTO AUTO PAGAMENTO CON CAMBIALI 
 Per Autore messaggio: Andautom - Data: 09/10/2014
A riguardo del vostro annuncio per Fiat Scudo, saremo interessati ( abbiamo 4 figli più...
di fabiangol

 FAMIGLIA CON 4 FIGLI A CARICO: AIUTI? 
 siamo la famiglia Zecca di Niviano (pc) e ho letto un messaggio del forum che puo' interessarmi e volevo farvi un riassunto se avevo capito: abbiamo 4... di simonetti.davide

 LA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA 
 Ciao sono Rossella ho 53 anni e quattro figli. Volevo scrivere la mia esperienza di mamma che ha avuto la quarta figlia a 42 anni compiuti.
Anche...
di ROCCA

 FAMIGLIA E POLITICA 
 Buongiorno a tutti. Viviamo davvero in un Paese che non tiene in nessun conto il valore della famiglia e dei figli.
Forse non tutti i Comuni ragio...
di LUCIA-NAZARENO

 FIOCCO ROSA 
 Ciao a tutti la famiglia Mattugini con tantissima gioia vi presenta Maria nata il 20 maggio dopo tanta attesa per la felicità dei fratelli Emmanuel... di morus
 
























Hosting by
Web Project Snc - Realizzazione siti web

 
 
Copyright © Associazione Nazionale Famiglie Numerose 2014 - www.famiglienumerose.org