• it
Incontro di formazione per coordinatori e famiglie delegate di Lombardia e Trentino...

Incontro di formazione per coordinatori e famiglie delegate di Lombardia e Trentino Alto Adige

486
Condividi

Domenica 8 marzo 2015, all’oratorio di Flero, a pochi chilometri da Brescia,si è svolto l’incontro fra coordinatori regionali e provinciali dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose per la Lombardia e il Trentino Alto Adige con la partecipazione di famiglie delegate e impegnate sui rispettivi territori. Relatori, oltre ai presidenti Giuseppe e Raffaella Butturini, i segretari, uscente (Paolo Puglisi) e entrante (Luca Gualdani).

All’ordine del giorno il corso di formazione per gli utenti della nuova piattaforma per le comunicazioni agli iscritti.
Si tratta di un’implementazione del sito “Isacco” e che, per ora è stato battezzato “Giacobbe”. Con questo nuovo sito 2.0 l’associazione ha partecipato a un bando del Ministero del Welfare ottenendo il finanziamento del progetto che persegue i seguenti obbiettivi:
• Raccolta automatica dei dati
• Aggiornamento automatico delle pagine regionali
• Inserimento versamento quote annuali
• Stampa automatica tessere munite di codice a barre per poter accedere alle convenzioni
• Scambio casa e accoglienza figli delle famiglie dell’associazione per motivi di studio o lavoro

In ogni caso i segretari hanno puntualizzato come l’adozione di questo nuovo sistema abbia già portato a un consistente abbattimento dell’arretrato amministrativo accumulatisi dopo il gran lavoro svolto per l’assemblea di Roma.

Nel pomeriggio è stata effettuata la formazione richiesta dal Ministero del Welfare a coloro che accedono accederanno al sito “Giacobbe”ma l’occasione di questo incontro ha dato l’opportunità per confrontarsi su problemi e istanze provenienti dalle diverse province, oltre a rendere conto delle attività svolte e progettate per l’immediato futuro.
In chiusura i presidenti hanno ricordato ai partecipanti l’esigenza di individuare nuovi responsabili per cariche direttive, riservando ogni decisione al Consiglio Direttivo.


Pier Mauri e Alberto Leoni