Dicono di noi   Sala stampa   Comunicati  Iniziative   Video    Cerca nel sito:  
 14/04/2014  Cercasi auto a 6 posti o furgone anche 8 posti  •  14/04/2014  MASCHI FEMMINE E ...?  •  11/04/2014  Video comunicato di ANFN su RTTR  •  11/04/2014  Cerco lavoro  •  11/04/2014  Convenzione AXA "RC Capofamiglia"  •  11/04/2014  CERCO FAMIGLIA ED ALTRE INFORMAZIONI  •  10/04/2014  Beatrice cerca famiglia affidataria  •  10/04/2014  Crisi: l'impegno di tutti per le famiglie  •  09/04/2014  GRADUATORIE PROGETTO VACANZE 2014  •  08/04/2014  La famiglia Di Stefano presenta ANFN  Feed RSS facebook Youtube





Trentino-Alto-Adige Friuli-Venezia-Giulia Veneto Marche Umbria Abruzzo Molise Valle-da-Aosta Lombardia Piemonte Emilia-Romagna Liguria Toscana Lazio Puglia Basilicata Campania Calabria Sicilia Sardegna
Il governo ha approvato il nuovo Isee. Cambiano i criteri di calcolo della ricchezza disponibile. Per la vostra famiglia, a parità di reddito rispetto al 2012, il nuovo Isee è:
 
Favorevole rispetto a quello presentato lo scorso anno

Sfavorevole rispetto a quello presentato lo scorso anno

Equivalente rispetto a quello presentato lo scorso anno

 


 
Autore forum: ROCCA - Data: 13/01/2012
Ciao a tutti, oggi mi è arrivato via mail quetso editoriale e mi faceva piacere condividerlo con voi. Raffaella (di Francesco & Raffaella Rocca + 7) -IL DONO PIÙ GRANDE? UNA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA- Versione testuale Editoriale Lunedì 9 gennaio il Santo Padre, rivolgendosi agli ambasciatori di tutti i paesi del mondo presso la Santa Sede, ha parlato ancora una volta dei giovani ed, in particolare, dell’importanza della famiglia aperta alla vita, al dono dei figli. Il giorno precedente, domenica 8 gennaio, festa del Battesimo di Gesù ho avuto la gioia di essere il padrino di battesimo di un bimbo di 16 giorni, figlio di due miei cari amici; il bambino si chiama Nicolò, proprio come me, con una “c” sola; alcuni giorni prima ero stato a casa della giovane coppia per incontrare Nicolò; durante il nostro incontro la mamma teneva il figlio in braccio, il papà stava ritto in piedi a fianco della sua sposa; mentre giocavo con le mani di Nicolò mi sono sentito come se fossi alla grotta di Betlemme, stupito e in adorazione, un po’ come i pastori e come uno dei re magi. La stessa domenica, nella parrocchia confinante con quella di Nicolò, due miei carissimi amici hanno accompagnato con immenso amore al battesimo due loro figli adottivi; ho trascorso una buona parte di feste natalizie con una giovane coppia che, per ora, non riesce ad avere un figlio. La nascita di un bimbo è un avvenimento grande, una gioia per tutti, un meraviglioso dono di Dio. Sappiamo bene che nel corpo dell’uomo viene prodotto il seme che feconderà il terreno fertile che è il corpo della donna; il corpo stesso della donna sarà, per nove mesi, la prima culla di una creatura nuova; in questa culla il bambino sarà accolto e nutrito. L’importanza del corpo maschile e del corpo femminile per la generazione e la crescita di un bambino mi ha fatto pensare; l’importanza della bontà, della salute, della pulizia del seme e del terreno dovrebbe essere sufficiente per invitare ogni ragazzo ed ogni ragazza a condurre una vita sana, a eliminare dalla propria vita tutto ciò che inquina seme e terreno, che avvelena il corpo: sigarette, droghe, pillole, fumo, alcool dovrebbero essere totalmente assenti dalla vita di chi domani vuole diventare mamma o papà avendo fatto tutto il possibile per offrire al proprio figlio che verrà un seme, un terreno, una culla sana; non è mai troppo tardi per iniziare. Spero che questo semplice ragionamento possa toccare il cuore e la volontà di tanti giovani che, già ora, sognano con amore, di tenere presto fra le braccia un proprio figlio. San Giuseppe e la Beata Vergine Maria guardano con infinito amore i giovani e le giovani che desiderano costruire una famiglia aperta alla vita. Don Nicolò Anselmi
Inserisci nuovo messaggio
Autore messaggio: redazione - Data: 21/10/2013
Ciao,sono Silvia mamma di quasi 6 bimbi (ragazzini!!!). Cerco in regalo pannolini lavabili in buono stato. i miei li ho regalati circa due anni fa e vorrei con il piccolo in arrivo riutilizzarli. Potete contattarmi tramite mail silviabenvenuti.76@libero.it. GRAZIE
Autore messaggio: laurasarnella - Data: 15/09/2012
Io ho solo quattro figli (per fortuna) Lo dico perchè più crescono e più si palesano disagi da parte della seconda che non è più tra i piccoli ma non ha nemmeno il ruolo di prestigio del grande e cerca di farsi notare estraniandosi, chiudendosi in camera, studiando!! cosa che il grande odia, Ma soprattutto strillando e alzandosi da tavola quando c'è la solita bagarre a cena all'arrivo del piatto di portata. Non posso rimproverare continuamente i piccoli mortificandoli nè lalsciarla andar via da tavola (anche se si è fatta il panino prima) mi piacerebbe che si sentisse parte della famiglia. Questa estate è stata via due mesi a casa della zia che ha un bambino solo piccolo e mi è mancata....
Autore messaggio: p.pirri - Data: 16/05/2012
segnalo per approfondimenti e riflessioni il blog di Costanza Miriano: http://costanzamiriano.wordpress.com/
Autore messaggio: violadaprile - Data: 26/04/2012
Sono Donatella! Amo molto cucinare e non mi arrendo ai cibi pronti .Nella stagione fredda avete mai provato il risottino di rape?Basta lessare le rape crude (quelle con le sfumature violette) col brodo e procedere come per un normale risotto bianco da mantecare alla fine con burro e grana.Vi posso assicurare che i bimbi lo gradiscono!Proponete sempre molta verdura a tavola:i miei figli amano perfino i cavolini di bruxelles:li scotto pochi min.in pentola a pressione(col cestello)e al momento di servirli li riscaldo a bagnomaria e li condisco con olio e sale e aceto balsamico(o poche gocce di glassa balsamica).Una gustosa variante:dopo averli riscaldati(sempre a bagnomaria)conditeli con sale e poco burro crudo e del grana.ottimi!In ogni caso i genitori devono eliminare dalla tavola le bibite gassate e proporre cibi sani e casalinghi,piu' genuini.A presto!
Autore messaggio: violadaprile - Data: 07/04/2012
Ciao a tutti,sono Donatella(violadaprile).Siccome di recente ho messo l'apparechio ortodontico al figlio grande(12)e ho avuto un preventivo di 2.000 euro mi farebbe piacere sapere la spesa sostenuta da altri,pur tenendo conto di eventuali differenze di intervento correttivo;volevo inoltre sapere se ci sono agevolazioni in questo senso.Scrivetemi!E grazie al forum perchè pubblica ! violadimetaprile@libero.it
Autore messaggio: mteresa - Data: 31/03/2012
Ciao a tutti... volevo solo condividere in pieno quanto detto da Anna e Rosa e a quanto vengono considerati strani, quasi alieni e talvolta un pò "scriteriati" coloro che hanno 4 o più figli... per non parlare della sottoscritta, madre "single" (in quanto separata) di 4 figli di 14, 13, 8 e 2 anni, che si deve barcamenare fra casa (sempre incasinata, forse poco accogliente per occhi esterni, ma sicuramente viva e vissuta), lavoro (naturalmente devo lavorare ma non oltre un lavoro part time, e quindi anche lo stipendio è quello che è), figli (con relativi impegni scolastici e non.... e in 4 scuole diverse: superiori, medie, elementari e asilo nido) e anche gestire dei rapporti civili e umani coi padri degli stessi (per evitare conflitti e favorire serenità ai figli). Proprio ieri poi mi è arrivato l'ultimo Test+ e ho letto con angoscia la lettera in seconda pagina "I figli sono un lusso!?" non tanto per il timore di eventuali accertamenti e quindi multe, ma per il terrore che tali “valutazioni” politiche e sociali possano portare all'allontanamento di qualche figlio da casa (soprattutto nelle famiglie mono-genitoriali come la mia in cui, anche se latente c’è sempre l’alone di minaccia che l’altro genitore possa approfittare di una eventuale situazione di difficoltà per reclamare l’affido esclusivo di un figlio) perchè pensano che non possa mantenerli tutti... c'era prima, e ora più che mai, il timore di chieder aiuto per non risultare inadeguati, incapaci e non all’altezza, e l’appoggio e comprensione dell’Associazione e di altre famiglie simili, che ti capiscono e ti aiutano senza doverlo chiedere, è proprio una Grazia del Signore che ti fa protendere al futuro ancora con fiducia e speranza! Grazie! Teresa, Genova
Autore messaggio: violadaprile - Data: 30/03/2012
Ciao sono Donatella(violadaprile).Per quanto riguarda i supermercati in quello che frequento abitualmente ci sono un paio di cassiere che tentano di mettermi in imbarazzo per i miei 4 figli,quasi fosse una colpa!Devo dire che rispondo sempre con gentilezza a tutte le provocazioni;ultimamente poi, ho scoperto le grandi virtu' di discrezione e professionalità dei cassieri uomini.Non ti lanciano la spesa sul rullo,sono attenti e non fanno domande!Vorrei poi fare gli auguri all'amica Elena che a giugno avra' il 5° bebe' e a cui ho regalato un passeggino:un esempio di mamma fantastica che pone sopra a tutto il valore della famiglia:perche' tutto il resto passerà ma cio' che lasciamo di vivo resterà e darà i suoi frutti!BUONA PASQUA!!
Autore messaggio: ROSA72 - Data: 23/03/2012
Ciao Anna, non racconti nulla di nuovo. Ieri ero al supermercato con i miei 4 figli di 10 , 7 , 4 e 8 mesi (oggi ^_^) La cassiera mi chiede con faccia stupita se erano tutti miei. io sorridendo le rispondo "Certo! se no mica me li porterei tutti dietro!" e abbiamo chiacchierato un pò. La stessa cosa due sere prima dal dentista che prendeva le impronte a due miei figli x l'apparecchio. Si stupiva di come facessi a lavorare e ad avere 4 figli e a non essere ancora impazzita, visto che lui già con due faceva fatica. E io con calma gli spiegavo come si gestiscono 4 figli e al lavoro ci si riposa! E la stessa cosa come te succede tutte le volte che usciamo o che dico che ho 4 figli. Purtroppo la generazione di oggi considera la famiglia normale con al massimo 2 figli, 3 sono già tanti e dai 4 troppi! Noi eravamo partiti con l'idea di tre, poi a sorpresa è arrivata anche la 4 in un momento difficile: mi avevano licenziata dopo 15 anni e avevo finalmente trovato una bell'azienda che mi avrebbe assunto alla scadenza del contratto a tempo indeterminato (cosa che naturalmente non è successa poichè ero incinta). Confesso che ho pianto davvero tanto e ora quando la guardo me ne vergogno! Fortunatamente la ruota gira e la stessa ditta che mi aveva lasciato a casa mi ha riassunto, per ora una sostituzione maternità.. poi si vedra. Bisogna essere positivi.. la mia bimba è arrivata nel momento sbagliato, mi è costata il lavoro, ma non ho mai smesso di sperare e di aspettare tempi migliori, che piano piano sono arrivati. Quindi Anna consolati...siamo tutti nella stessa situazione e spero che in quest'associazione ci aiuteremo a sopraqvvivere a questa società. Ci siamo iscritti anche con la speranza di conoscere famiglie come noi e con la speranza di incontrarsi e confrontarsi. saluti Rosa
Autore messaggio: redazione - Data: 22/03/2012
Salve, sono Anna una mamma a quota 4 tra i 7 anni e i 5 mesi. Anche se il numero è piccolo sono stufa di sentire soltanto commenti in stile "4?! Che coraggio, ora basta però!" oppure "Ma come fai?! Di sicuro hai i nonni che ti aiutano!" e via dicendo. Perché ci continuano a guardare con sospetto? Come portatori non tanto sani di non so quale malattia contagiosa! Siamo apertamente discriminati per aver scelto di essere felici in compagnia del nostro futuro. Ormai con aria di sfida li provoco anch'io, tipo l'altro giorno al centro commerciale: "3?! Che coraggio!" e io: "NO! 4!" facendolo anche con la mano per evitare equivoci; risultato: E' SCAPPATA!!! (per evitare il contagio?). Voglio precisare che anche se stanca, sono felice dei miei 4 cuccioli, nel senso di coniglietti ;), che non rimarranno mai soli, che si sosterranno a vicenda qualunque cosa succeda. E poi se dai genitori ci sono questi commenti, dai loro figli unici ci arrivano i "beati voi!!!". Non so se avanzeremo di numero, siamo sotto al cielo, ma a riguardo sono molto scoraggiata. I miei pargoli vengono invitati ai compleanni a patto che non portino i fratelli (mai portati!). Evitano di accettare i nostri inviti per il pomeriggio perchè viviamo in campagna (scelta di vita), salvo poi ai compleanni lasciarceli perchè tanto siamo abituati al GROSSO numero (ricordo che sono 4 non 29), ma quando porto uno dei miei devo rimanerci insieme per "difenderlo" dai dispetti degli altri bambini con i genitori presenti, con mia difficoltà dovendo sistemare gli altri 3. Eppure abitiamo in una regione dove tra i nostri compagni di classe era facile trovare nomi tipo SETTIMIO, OTTAVIA per ovvi motivi di fratellanza che andava anche ben oltre la decina. Ormai la famiglia numerosa è sinonimo di povertà e ignoranza. Noi non ci sentiamo così. Quando ci siamo sposati il prete ci ha invitato “ad accogliere i figli che Dio vorrà donarci”, noi non abbiamo fatto altro che tener fede al nostro impegno. Non basta la depressione post-partum, il sentirti quasi incapace di seguire una neonata prematura e i suoi 3 fratellini con tutte le loro esigenze, si mette anche il resto del mondo a farti sentire inadeguata. Ora grido BASTA!! Potete dire e fare quello che volete, non ci toccate, non abbiamo ricevuto queste 4 benedizioni per fare contenti gli altri. Sono nostri e noi ce lo godiamo, se qualcuno vorrà unirsi alla nostra tribù è il bene accetto, siamo per la compagnia, la confusione, il chiasso che qui in campagna possiamo concederci tranquillamente. Grazie per lo sfogo. di trinity
Autore messaggio: redazione - Data: 13/01/2012
Ciao a tutti, oggi mi è arrivato via mail quetso editoriale e mi faceva piacere condividerlo con voi. Raffaella (di Francesco & Raffaella Rocca + 7) -IL DONO PIÙ GRANDE? UNA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA- Versione testuale Editoriale Lunedì 9 gennaio il Santo Padre, rivolgendosi agli ambasciatori di tutti i paesi del mondo presso la Santa Sede, ha parlato ancora una volta dei giovani ed, in particolare, dell’importanza della famiglia aperta alla vita, al dono dei figli. Il giorno precedente, domenica 8 gennaio, festa del Battesimo di Gesù ho avuto la gioia di essere il padrino di battesimo di un bimbo di 16 giorni, figlio di due miei cari amici; il bambino si chiama Nicolò, proprio come me, con una “c” sola; alcuni giorni prima ero stato a casa della giovane coppia per incontrare Nicolò; durante il nostro incontro la mamma teneva il figlio in braccio, il papà stava ritto in piedi a fianco della sua sposa; mentre giocavo con le mani di Nicolò mi sono sentito come se fossi alla grotta di Betlemme, stupito e in adorazione, un po’ come i pastori e come uno dei re magi. La stessa domenica, nella parrocchia confinante con quella di Nicolò, due miei carissimi amici hanno accompagnato con immenso amore al battesimo due loro figli adottivi; ho trascorso una buona parte di feste natalizie con una giovane coppia che, per ora, non riesce ad avere un figlio. La nascita di un bimbo è un avvenimento grande, una gioia per tutti, un meraviglioso dono di Dio. Sappiamo bene che nel corpo dell’uomo viene prodotto il seme che feconderà il terreno fertile che è il corpo della donna; il corpo stesso della donna sarà, per nove mesi, la prima culla di una creatura nuova; in questa culla il bambino sarà accolto e nutrito. L’importanza del corpo maschile e del corpo femminile per la generazione e la crescita di un bambino mi ha fatto pensare; l’importanza della bontà, della salute, della pulizia del seme e del terreno dovrebbe essere sufficiente per invitare ogni ragazzo ed ogni ragazza a condurre una vita sana, a eliminare dalla propria vita tutto ciò che inquina seme e terreno, che avvelena il corpo: sigarette, droghe, pillole, fumo, alcool dovrebbero essere totalmente assenti dalla vita di chi domani vuole diventare mamma o papà avendo fatto tutto il possibile per offrire al proprio figlio che verrà un seme, un terreno, una culla sana; non è mai troppo tardi per iniziare. Spero che questo semplice ragionamento possa toccare il cuore e la volontà di tanti giovani che, già ora, sognano con amore, di tenere presto fra le braccia un proprio figlio. San Giuseppe e la Beata Vergine Maria guardano con infinito amore i giovani e le giovani che desiderano costruire una famiglia aperta alla vita. Don Nicolò Anselmi
Pagine: [ 1 ]
Inserisci nuovo messaggio
 
FORUM > FAMIGLIA E FUTURO > LA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA



 ACQUISTO AUTO PAGAMENTO CON CAMBIALI 
 Ciao a tutti, ho bisogno del vostro aiuto... lunedì mia figlia maggiore deve portare il computer a scuola (accademia), noi abbiamo solo un notebook e ... di fabiangol

 FIOCCO ROSA 
 Buongiorno, di nuovo! Mi permetto di aggiungere che la graduatoria dei bandi, finalmente, sabato è stata pubblicata: peccato che non si apra!!!!
E...
di morus

 CONFRONTO DI LAVATRICI ED ASCIUGATRICI PER FAMIGLIE 
 ciao domenico sono luca innanzitutto auguri per la bella notizia e poi stai sereno i figli fanno parte del disegno di Dio e se lui ce li manda ci da a... di lanzetta

 LA FAMIGLIA APERTA ALLA VITA 
 Ciao,sono Silvia mamma di quasi 6 bimbi (ragazzini!!!). Cerco in regalo pannolini lavabili in buono stato. i miei li ho regalati circa due anni fa e v... di ROCCA

 PROGETTO ARTISTICO TEATRALE 
 Ringraziamo Teresa e Francesco, Andrea e Lidia, Lisa e Giovanni, Fabrizia e Patrizio per questa bella iniziativa
Alfio e Emanuela...
di alfio_emanuela
 























Hosting by
Web Project Snc - Realizzazione siti web

 
 
Copyright © Associazione Nazionale Famiglie Numerose 2014 - www.famiglienumerose.org