• it
FESTA REGIONALE PUGLIE: “occorre restituire serenità alle famiglie”

FESTA REGIONALE PUGLIE: “occorre restituire serenità alle famiglie”

457
Condividi

PIENO SUCCESSO PER LA PRIMA FESTA REGIONALE PUGLIESE

Sono stati tantissimi i ragazzi, dai 3 mesi in su, che hanno seguito le loro famiglie convenendo a Barletta per la Prima Festa Pugliese delle Famiglie Numerose. I piccolini, guardati amorevolmente da mamme e sorelle hanno giocato in un apposito “angolo morbido” creato per loro, gli altri, divisi in fasce d’età, sono stati affidati agli scout dell’Assoraider di Barletta che hanno avuto il compito di animare la giornata dei loro coetanei. Tutto si è svolto per il meglio nonostante la pioggia battente.
“Un lavoro di squadra -spiegano i coniugi Rosaria e Salvatore Masia coordinatori della Provincia BAT – che ci ha caricati molto e sicuramente darà buoni frutti in futuro; molte famiglie ci hanno contattati, si sono associate e hanno avanzato idee e proposte che speriamo di poter concretizzare presto”.
Il Vescovo mons. Giovan Battista Pichierri ha salutato con grande calore i partecipanti alla manifestazione.
La prima festa regionale dell’Associazione Famiglie Numerose, A.N.F.N. si è aperta con un Convegno sulle politiche per la famiglia in Puglia. “Il Comune di Barletta –ha spiegato il sindaco Nicola Maffei – ha preso a cuore la questione iniziando ad operare sulla detrazione sull’ICI per i nuclei più numerosi”. Si è entrati, poi, nel vivo della discussione con l’intervento dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Elena Gentile che ha ricordato l’imminente varo del primo piano per le famiglie di Puglia. “Stiamo discutendo con l’Anci e il mondo dell’associazionismo sui temi fiscali per cercare insieme nuovi percorsi. Occorre restituire alle famiglie serenità in un momento in cui c’è voglia di paternità e maternità”. Del clima di collaborazione instaurato con il mondo dell’associazionismo ha reso atto anche il coordinatore della Provincia di Bari per l’Associazione Vincenzo Santandrea. Di altre proposte di lavoro ha parlato il vicepresidente della Commissione Regionale Sanità e Servizi Sociali Sergio Silvestris, che ha invitato l’Associazione a presentare proposte mirate ai Comuni.
Infine il presidente nazionale dell’Associazione Famiglie Numerose Mario Sberna ha richiamato l’attenzione sui valori dell’ANFN “Non siamo un sindacato che rivendica ma un gruppo che testimonia. In una società che mercifica tutto, nonostante l’egoismo e l’individualismo imperante le famiglie numerose crescono. Eppure, lo testimoniano i dati, sono questi i nuclei a più alto rischio di povertà. Dobbiamo cambiare questa società sbagliata che ha la morte in sé. Non abbiamo avuto paura di criticare la recente finanziaria. I 150 euro per gli incapienti di cui parla sono una offesa alle famiglie in quanto non chiediamo assistenzialismo ma vogliamo giustizia. La nostra è una scelta, i figli sono un dono e quando ci chiedono meravigliati ma come fate? Noi rispondiamo come faremmo senza”.
E’ toccato alla coordinatrice regionale Giovanna Fumarola introdurre l’assemblea dei soci, in cui si è fatto il punto sulle attività e i progressi dell’ANFN a livello locale. La mobilitazione intorno ai temi trattati cresce a livello esponenziale e inizia a vedere concretizzarsi i primi risultati, è il caso della detrazione dell’ICI operata dal Comune di Barletta e che si spera altre Amministrazioni della BAT vogliano operare in futuro. Si è parlato della possibilità di venire incontro ai nuclei familiari extralarge con misure premiali anche nel campo dei servizi sociali. Graditissimo l’intervento dei coniugi Farinelli che sono venuti da Termoli a portare una testimonianza agli amici pugliesi. Infine appuntamento con la S. Messa celebrata dal Vicario episcopale mons. Giuseppe Paolillo, orgoglioso di provenire da una famiglia numerosa, che ha salutato i presenti augurando che siano nella società un forte stimolo per la costruzione di una comunità basata sull’amore e sulla solidarietà .

Scarica allegati:
paginagazzetta 23.10.pdf

Marina Ruggiero