• it
Festa regionale del FVG: l’importanza e la bellezza di incontrarsi

Festa regionale del FVG: l’importanza e la bellezza di incontrarsi

405
Condividi

Domenica in tarda mattinata le famiglie numerose del Friuli Venezia Giulia si sono incontrate presso la parrocchia Nostra Madre di Lourdes a Trieste, per fare festa insieme, grandi e piccoli, e riflettere un po’ sulla famiglia, in particolare quella numerosa nella società odierna.
L’incontro organizzato dai coordinatori regionali Paolo e Lucia Grisan, dai provinciali Lucio ed Emanuela e dalle altre famiglie collaboratrici ha lasciato nel primo pomeriggio un po’ di spazio ai genitori che si sono riuniti per ascoltare le novità regionali illustrate dai coniugi Grisan, condividere le realtà provinciali con i coordinatori di Gorizia, Udine, Pordenone…, e puntare lo sguardo anche verso Roma, vista la presenza dell’onorevole Gigli che ha illustrato alcune proposte portate in Parlamento a favore della famiglia.
L’on. Gigli lavora in sintonia con il nostro ex presidente, attuale onorevole Mario Sberna. Le loro esperienze di padri numerosi, oltre che di persone di valore e cultura sono per noi una garanzia di rappresentanza della nostra realtà.
In sostanza sono stati affrontati temi come
le detrazioni dei contributi scolastici;
l’incapienza, che impedisce di fatto alla maggior parte delle famiglie numerose di detrarre spese sostenute “numerose volte” e per legge detraibili (solo ai ricchi?);
tutte le altre iniquità che noi famiglie numerose sperimentiamo all’aumentare del numero di figli che accogliamo, curiamo, educhiamo, assistiamo, nutriamo ecc. ecc.
Alessandro Soprana responsabile delle politiche familiari in ANFN ha illustrato come e cosa ANFN sta facendo a livello politico in Italia. La nostra associazione non è un partito e non aderisce a nessun partito, ma si interessa di politica per evidenziare al governo centrale quante iniquità subiscono oggi le famiglie numerose, e proporre correttivi e nuovi sistemi che tutelino di più la cellula della società italiana. Per paradosso, dice Soprana siamo arrivati al punto da invocare gli stessi diritti dei conviventi!
In questi 10 anni di cose ne sono state fatte molte, e qualche risultato è stato raggiunto, spesso però inficiato dal cambio di legislatura che ignorava o addirittura cancellava quanto concesso dalla legislatura precedente.
Cosa che purtroppo abbiamo visto succedere anche a livello locale in tutta Italia.
In ogni caso ANFN tramite i suoi rappresentanti non smetterà di bussare alle porte dei palazzi, per promuovere vere politiche familiari che possano rendere le coppie italiane libere di aprirsi alla vita senza l’incubo della povertà.
Durante il vivace dibattito sono emersi quesiti circa il ruolo delle famiglie nella scuola, alla luce delle recenti sperimentazioni sulle teorie dei gender, che hanno visto escludere a priori le famiglie dai progetti portati in classe da estranei alla scuola che hanno avuto “mano libera” sugli scolari all’insaputa dei genitori. Si tratta pur sempre di minori e di progetti che esulano dalla proposta formativa presentata all’inizio dell’anno.
L’on. Gigli e Soprana hanno consigliato le famiglie ad interessarsi attivamente delle attività scolastiche e a non esercitare deleghe educative alla cieca, nell’interesse dei propri figli e della loro serenità.
A tale proposito i coordinatori di Trieste avevano inviato 6 mesi fa una lettera all’amministrazione
locale, indicando i timori delle famiglie a fronte di queste sperimentazioni già in parte avviate. Purtroppo non è arrivata nessuna risposta ai nostri quesiti, per questo motivo si chiederà alla stampa di pubblicare questa lettera evidenziando il fatto che in 6 mesi non si è ottenuta alcuna risposta.
Anche Alfio ed Emanuela Spitaleri, consiglieri nazionali di ANFN, sono venuti alla festa e hanno illustrato quanto concerne l’organizzazione della prossima assemblea nazionale di ANFN che si terrà dal 26 al 28 dicembre 2014 a Roma.
Sarà un’assemblea elettiva, ove verrà eletto il nuovo consiglio nazionale. Per questo motivo sul nostro sito web è stato pubblicato il regolamento che disciplina le candidature al nuovo consiglio.
I coniugi Spitaleri hanno posto l’accento su quanto sia importante la partecipazione attiva nella nostra associazione, perché grazie a chi volontariamente offre tempo, idee ed energie la nostra famiglia di famiglie è diventata una grande famiglia che abbraccia tutte le regioni d’Italia.
La nostra carta dei valori rimane la base sulla quale fondiamo la nostra rete di famiglie e tutte le nostre azioni di solidarietà, di politiche familiari e di semplice e preziosa conoscenza reciproca.
Il dibattito è proseguito vivace tra le famiglie presenti, e a conclusione della festa grande gioia di bambini e adulti durante l’estrazione della bella lotteria preparata dagli organizzatori.
Si ringraziano in particolare: Illy caffè per l’abbondante caffè, Garden Center Durì di Mortegliano( con cui siamo convenzionati) per le bellissime piante che ci ha regalato, la Parafarmacia di Zugliano, l’Az.Agricola Carlo Loner di Ariis e Fabbro ceramiche entrambi di Rivignano Teor e “la nuova triesteufficio” per aver donato i premi.
E tutte le famiglie presenti per essere intervenute nonostante fosse bel tempo… dopo tanto tempo!

Vedi anche: A Trieste quasi 200 famiglie numerose Una con dieci figli